Maccaferri: pronta a cedere Exergy (MF)

9

Entra nel vivo il riassetto del gruppo Maccaferri, storica conglomerata bolognese attiva in diversi settori che prima dell’estate ha chiesto (e ottenuto) il concordato per sette delle sue 32 società.

La holding della famiglia Seci, scrive MF, ha avviato la vendita del ramo d’azienda Exergy, la società di Olgiate Olona (Varese) attiva nel business dell’energia rinnovabile con un focus sul settore geotermico e sul waste-heat recovery. Il prezzo minimo è fissato a 16 milioni di euro e consentirà all’acquirente di entrare in possesso dell’intero perimetro aziendale, compresa la controllata Exergy Turkey. La cifra, tuttavia potrebbe essere rivista al ribasso (fino a 3 milioni) nel caso in cui l’aggiudicatario dovesse proseguire le commesse in corso e liberare Exergy ed Exergy Turkey dagli obblighi residui nei confronti dei committenti. Un altro importante punto fermo riguarda i lavoratori, che dovranno tutti essere mantenuti nello stabilimento di Olgiate Olona per almeno 12 mesi dall’acquisizione.

Non è escluso che quella di Exergy sia la prima di una serie di dismissioni che dovrebbero coinvolgere la galassia fondata da Gaetano Maccaferri. Soprattutto guardando al settore energetico, di cui fanno parte altre due società finite in concordato, Seci Energia ed Enerray. Riguardo a quest’ultima, si stanno intensificando le voci di una possibile, imminente cessione. Del resto è l’intero business dell’energia di Maccaferri a suscitare l’interesse di numerosi player, anche internazionali come General Electric, intenzionati ad accaparrarsi parte delle attività energetiche del gruppo bolognese. Il tutto nonostante sia stato proprio il business energetico a pesare maggiormente sulla crisi del gruppo, in particolare per via di una serie di investimenti in Turchia e nel fotovoltaico in Brasile.

red/fch

MF-DJ NEWS

2908:37 ago 2019

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer