Alitalia: pressing Conte su Atlantia, M5S richiama Toto (Stampa)

27

1 Mese : Da Set 2019 a Ott 2019
Clicca qui per i Grafici di Atlantia

Su Alitalia si va verso la stretta finale: il governo ha deciso di mettere spalle al muro Atlantia, che nei giorni scorsi in una lettera aveva detto sostanzialmente di volersi disimpegnare dall’operazione. Ieri a palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte ha incontrato i vertici dell’azienda che fa parte delle holding dei Benetton. Nessun commento o dichiarazione ufficiale da Atlantia, che però -scrive La Stampa- appare sottoposta a una pesante pressione da parte dell’esecutivo sull’altro terreno strategico per la holding, quello delle concessioni autostradali.

Se Conte sta ancora cercando di trovare una soluzione condivisa per ricevere l’offerta dalla cordata che vuole rilanciare Alitalia coinvolga Atlantia, nei vertici di governo del Movimento cinquestelle si ritiene che a questo punto Atlantia non sia più davvero indispensabile.

Ci sarebbe un’alternativa: il gruppo Toto, a suo tempo sollecitato dall’allora vicepremier Luigi Di Maio. Nessun commento ufficiale arriva dall’azienda guidata da Carlo Toto. Secondo quanto spiega il giornale, i collaboratori dell’imprenditore abruzzese sospettano che la chiamata alle armi per Alitalia in alternativa ad Atlantia sia soprattutto una mossa tattica per mettere paura alla società dei Benetton, che abbandonando la partita rischierebbe di non avere più in mano alcun strumento di pressione sul governo per salvare le concessioni autostradali.

Nel gruppo Toto ci sarebbe un effettivo interesse all’affare, qualora l’offerta fosse concreta e non, appunto, apparentemente solo “tattica”: servirebbe quindi un segnale preciso da parte del governo.

vs

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer