Fca: Gorlier, sfida tecnologica settore auto non spaventa

18

Clicca qui per i Grafici di Fiat Chrysler Automobile...

“Non ho timore delle sfide che presenta il settore auto, il cambiamento tecnologico non spaventa e anzi dà la possibilità di offrire servizi e soluzioni diverse e nuove. La partnership” con Generali Italia “risponde alla necessità di avere successo sul mercato e di migliorare l’esperienza col cliente”.

Lo ha affermato Pietro Gorlier, coo di Fca Emea, presentando il rafforzamento dell’alleanza con Generali Italia e Fca Bank nella mobilità.

“Oggi è una giornata importante per entrambi i nostri gruppi perché questa partnership punta a sviluppare nuove soluzioni garantendo sempre al cliente la migliore esperienza di utilizzo e possesso dei nostri modelli grazie ai più avanzati sistemi tecnologici in termini di connettività. Si tratta di un accordo che dimostra l’impegno di Fca e Generali in questo settore, una sinergia ‘made in Italy’ che rappresenta un punto importante nel continuo percorso verso la sicurezza e l’innovazione. Grazie a questa partnership, Fca aggiunge un tassello importante nell’ambito del nuovo ecosistema globale per veicoli connessi, annunciato lo scorso mese di aprile, che migliorerà le funzionalità online dei propri veicoli in tutto il mondo. La connettività è una delle priorità per Fca e riflette il cambiamento degli usi e costumi di coloro che utilizzano una autovettura in ogni angolo del mondo”, prosegue Gorlier.

“La nuova piattaforma off-board gestirà in modo rapido e sicuro i dati interni ed esterni al veicolo sfruttando un’architettura cloud-based.

Ciò determinerà una user experience migliorata che fornirà assistenza al proprietario, anticipando per esempio le esigenze di manutenzione, individuando le stazioni di rifornimento e ricarica, offrendo avvisi sul traffico e notifiche sulle offerte degli esercizi commerciali partner, nonché garantendo un’assistenza clienti in tempo reale con la semplice pressione di un pulsante. Oltre ai proprietari di veicoli, anche i concessionari, gli operatori di flotta e i provider di servizi trarranno beneficio dalle caratteristiche offerte dalla nuova connettività.

E in questa direzione vanno proprio i servizi annunciati oggi. “Nei prossimi mesi clienti Generali e Fca, ad esempio, potranno iniziare a conoscere i servizi innovativi come polizze telematiche, offerte assicurative personalizzate. Oppure tramite la App Fca a breve saranno disponibili i servizi innovativi di mobilità Generali, come per esempio, real time coaching o certificato stato uso veicolo. La piattaforma inoltre offre un ambiente tecnico ideale per i veicoli elettrici e anche sul tema dell’elettrificazione abbiamo avviato con Generali un nuovo cantiere con l’obiettivo di sviluppare nel 2020 prodotti e servizi specifici legati all’auto elettrica come, ad esempio, coperture assicurative dedicate e servizi per facilitare la ricarica della batteria dell’auto”, aggiunge.

“Sia che si parli di connettività che di mobilità elettrica, la nostra strategia complessiva non si ferma alla produzione delle vetture, ma si completa con partnership e servizi in grado di accompagnare i nostri clienti nelle trasformazioni in corso dell’industria dell’auto. La nostra visione di e-Mobility continua a svilupparsi e a diventare sempre più articolata. Abbiamo creato un ente totalmente dedicato per coordinare tutte le attività collegate all’elettrificazione.

Nei mesi scorsi abbiamo firmato accordi per offrire soluzioni per semplificare la vita a chi acquisterà e userà una nostra auto elettrica o ibrida. Grazie a questi accordi, saremo in grado, sui principali mercati europei, di fornire “smart charging solutions” sia pubbliche che private, garantendo ai nostri clienti un continuo supporto, a partire dalla fase di acquisto e lungo tutto il ciclo vita del veicolo. Infine, con la nostra rete di dealer stiamo proseguendo le attività di formazione, con programmi di sviluppo dedicati alla forza vendita e a tutto il personale che lavora nei concessionari del gruppo”.

“Azioni importanti che confermano quello che avevamo annunciato lo scorso novembre con la presentazione del piano industriale per l’Italia.

Un piano di investimenti complessivo di cinque miliardi di euro per il periodo 2019-2021 e un sostanziale rinnovo ed elettrificazione della nostra offerta di prodotti. Nel complesso, infatti, lanceremo 12 modelli elettrificati nei prossimi 4 anni. Un paio di mesi fa, l’11 luglio, abbiamo celebrato gli 80 anni allo stabilimento di Mirafiori, ma soprattutto avviato i lavori di costruzione della linea della nuova 500 elettrica, che inizieremo a produrre dal secondo trimestre del 2020.

A Marzo, al Salone di Ginevra, abbiamo presentato i nuovi modelli ibridi plug-in delle Jeep Renegade e Compass che verranno prodotte a Melfi, mentre prima dell’estate abbiamo presentato il Ducato elettrico, che sarà prodotto nello stabilimento di Atessa. All’inizio del prossimo anno avvieremo inoltre la produzione a Pomigliano della Fiat Panda Mild-Hybrid seguita da un nuovo veicolo Premium dell’Alfa Romeo, la Tonale, anch’esso con versione plug-in ibrida”, ha concluso il top manager.

cce

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer