Ilva: Conte attacca Mittal, richieste inaccettabili (CorSera)

11

1 Mese : Da Ott 2019 a Nov 2019
Clicca qui per i Grafici di Fila

Il governo offre ad ArcelorMittal un nuovo scudo penale, valido non solo per l’ex Ilva ma per tutti i casi in cui sia necessario un imponente risanamento ambientale. Ma l’annuncio del decreto legge, non ancora approvato, spacca la maggioranza, perché buona parte del Movimento 5 Stelle è contraria, e potrebbe far mancare i numeri in Parlamento per la conversione in legge. E soprattutto, scrive il Corriere della Sera, non serve a convincere l’azienda, che conferma la sua intenzione di lasciare le acciaierie di Taranto.

Anzi, quasi per sbarrare la strada a qualsiasi trattativa ulteriore, mette sul tavolo una riduzione dei livelli produttivi con la conseguenza di 5 mila esuberi. Due richieste che il governo considera “inaccettabili”. È scontro aperto tra l’esecutivo giallorosso e ArcelorMittal dopo una giornata lunga e tesa che ha visto prima un incontro a muso duro tra una delegazione del governo, che ha chiesto di fermare la procedura per la riconsegna degli impianti, e la proprietà della multinazionale, Lakshmi Mittal e Aditya Mittal, che ha invece confermato la sua intenzione di lasciare l’Italia.

E poi un consiglio dei ministri che doveva essere lampo e invece è andato avanti per tre ore e mezza. A tarda sera è il presidente del consiglio Giuseppe Conte a tirare le fila, dando 48 ore di tempo ad ArcelorMittal in vista di un nuovo incontro: “Sono assolutamente inaccettabili le proposte che ci vengono fatte – dice il premier – sia sugli esuberi sia sulla restituzione degli impianti”.

Sul piano tecnico l’avvocato Conte dice di “non ritenere giustificate le pretese dell’azienda da un punto di vista giuridico”. E sottolinea come “il tema non sia lo scudo penale” ma “si tratta di un problema industriale visto che l’azienda considera le acciaierie di Taranto non sostenibili dal punto di vista economico”.

Secondo il presidente del consiglio “nessuna responsabilità dell’azienda può essere imputata al governo” anche se lui stesso ammette che la situazione è “drammatica”, da “allarme rosso”. E poi, dopo aver parlato di un “governo compatto e coeso”, promette che “non lasceremo soli gli operai”. Anche il ministro per lo Sviluppo economico Stefano Patuanelli accusa l’azienda, che “non è in grado di rispettare il suo piano industriale”.

vs

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer