Al via l'assemblea nazionale del Pd, comincia l'era Zingaretti

Sarà il battesimo formale di Nicola Zingaretti l’assemblea nazionale del Pd chiamata a ratificare la scelta ai gazebo. Anche se il clima non si annuncia ostile alcuni passaggi chiariranno il grado di compatezza interna intorno alla nuova guida che nessuno mette in discussione dopo il plebiscito popolare.

All’Hotel Ergife si attende la relazione del segretario, accanto al tavolo della presidenza il podio essenziale per gli oratori in plexiglass e alle spalle lo slogan «La parola alla democrazia» e l’insegna del Pd sopra quella del Partito socialista europeo. Gli oltre mille delegati eletti con il congresso o dai parlamentari dovranno incoronare l’uomo uscito trionfalmente dalle primarie con il 66% e scegliere il presidente del partito, il tesoriere e la direzione (un centinaio di membri in tutto).

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer