Armi, nuova tassa e più controlli: la risposta del Pd alla legittima difesa

Limitare la diffusione delle armi da fuoco. Subordinando il rilascio del porto d’armi alla presentazione di un apposito certificato medico di idoneità psicofisica. E introducendo una nuova tassa di possesso per un importo non inferiore a 200 euro. È la risposta del Pd alla legge sulla legittima difesa, fortemente voluta dal segretario della Lega Matteo Salvini. La proposta è stata depositata il 4 aprile dal deputato dem Walter Verini (ex braccio destro di Walter Veltroni e vicino al neosegretario Nicola Zingaretti) e hanno aderito all’iniziativa altri big come Maurizio Martina e Debora Serracchiani. L’obiettivo è «potenziare i controlli per la detenzione, il rilascio e il rinnovo del porto d’armi».

GUARDA IL VIDEO. Come funziona la nuova legge sulla legittima difesa

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer