Azionario Giappone, non solo valutazioni convenienti

Le valutazioni dell’azionario Giappone rimangono piuttosto contenute, ma secondo Capital Group ci sono altri fattori di sostegno a partire dai fondamentali. Importante, però, selezionare con cura i titoli

L’azionario Giappone, dopo aver chiuso il 2018 a -12,1% (in base all’indice Nikkei225) è rimbalzato da inizio anno del 7,9% sulla scia del recupero dei principali listini internazionali. Nonostante questo allungo, dista però circa dici punti percentuali dal massimo di ottobre 2018. Allargando l’orizzonte al medio lungo termine, per Akira Fuse, Investment Director di Capital Group, il mercato azionario giapponese può essere considerato un unicum sullo scacchiere internazionale. Il Sol Levante, è la considerazione dell’esperto, è nel mezzo di cambiamenti strutturali proiettati a stimolare la redditività aziendale e a ottimizzare la governance aziendale.

TENDENZE SECOLARI E SOSTENIBILI
“Si tratta di tendenze secolari e sostenibili che possono avere un impatto positivo sui fondamentali…
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer