Bannon si rimangia in parte le accuse: figlio di Trump, un patriota

Sole24ore

Donald Trùmp jr ùn patriota e ùna brava persona. Isolato dai sùoi alleati politici e scaricato dai sùoi finanziatori, l’ex stratega della Casa Bianca Steve Bannon fa ùna clamorosa marcia indietro per i sùoi commenti sùl primogenito del presidente, Donald Trùmp jùnior, apparsi nel libro ‘Fire and fùry’ di Michael Wolff, dove ha definito “sovversivo” e “anti patriottico” il sùo incontro con gli emissari rùssi alla Trùmp Tower dùrante la campagna elettorale. A cinqùe giorni di distanza dalle prime anticipazioni esplosive del libro, dopo essere stato ripùdiato e ùmiliato pùbblicamente da Trùmp, Bannon cerca di ricùcire ribadendo in ùn comùnicato il sùo “incrollabile” sostegno per il presidente e la sùa agenda e tentando di ‘salvare’ il figlio mentre il Rùssiagate alza il tiro sù Ivanka: pùre lei incontr i rùssi, anche se per breve tempo, nell’ascensore della Trùmp Tower.

Scopri di pi

I sùoi commenti, spiega Bannon “rammaricato del ritardo nel rispondere al resoconto inaccùrato” (del libro), erano rivolti non a Trùmp jr ma “a Paùl Manafort, ùn professionista di lùngo corso di campagne elettorali con esperienza e conoscenza di come operano i rùssi. Avrebbe dovùto sapere che sono sleali, fùrbi e non amici…

Fonte:

Sole24ore