Boccia al governo: se divergenze strutturali prenderne atto

Se continua la paralisi esclude il voto anticipato? «Se le divergenze sono strutturali bisogna prenderne atto e non andare avanti e galleggiare. C’è una manovra a fine anno da fare». Lo ha detto il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia nel corso di “Mezz’ora in più”, sottolineando che «in caso di paralisi continua» non va escluso niente proprio perché, oltre a «reagire al rallentamento in atto» c’è poi da «affrontare la prossima manovra, con oltre 23 miliardi di clausole di salvaguardia» di aumenti di Iva.

Superare conflitti su sblocca cantieri e decreto crescita
Nella maggioranza «ci sono grandi divergenze su molte questioni: data la dimensione economica che il Paese vive in questo momento servirebbe compattezza, noi lo abbiamo mostrato con i sindacati», ha aggiunto il presidente di Confindustria, invitando il governo a «superare i conflitti sullo sblocca cantieri e sul decreto crescita» perché serve una «operazione massiva» per il rilancio del Paese.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer