BORSA: Europa in calo, in luce Nexi


Grafico Azioni Generali (BIT:G)
Intraday

Giovedì 21 Maggio 2020

L’azionario europeo prosegue la seduta sotto la parità: Milano -0,61%, Parigi -0,94%, Francoforte -1,32%, Londra -0,78%.

Sul fronte dei dati macro, l’indice Pmi composito dell’Eurozona preliminare di maggio, elaborato da Ihs Markit, si è attestato a 30,5 punti, salito rispetto ai 13,6 di aprile e sopra le stime di consenso a 24 punti.

L’indice preliminare relativo al settore dei servizi si è invece attestato a 28,7 punti, in aumento rispetto ai 12 del mese precedente (23,8 punti il consenso). Quello manifatturiero è salito a 39,5 punti dai 33,4 precedenti (38 punti il consenso).

Entrando nel dettaglio dei singoli Stati, il Pmi manifatturiero preliminare della Germania è risalito leggermente a 36,8 punti rispetto ai 34,5 di aprile (40 punti il consenso). L’indice preliminare relativo ai servizi tedeschi è invece risultato pari a 31,4 punti, in ripresa rispetto ai 17,4 di aprile (25 punti il consenso).

Il Pmi manifatturiero della Francia è risultato pari a 40,3 punti, in salita rispetto ai 31,5 del mese precedente. Infine, l’indice Pmi servizi francese si è attestato a 29,4 punti, in risalita rispetto ai 10,2 punti di aprile.

A piazza Affari, in evidenza Nexi (+6,84%), su cui tornano i rumors di una possibile fusione con Sia. Seguono Exor (+2,74%), Diasorin (+1,48%) e Tim (+1,22%).

Tra gli industriali, bene Pirelli (+2,21%). In calo, invece, Stm (-1,82%), Leonardo Spa (-1,58%), Cnh I. (-1,51%), Prysmian (-1,06%), Ferrari (-0,69%) e Fca (-0,63%).

In profondo rosso Juventus (-3,46%), Tenaris (-3,49%), Saipem (-2,69%) e Unipol (-2,05%). Segue Generali Ass. (-2,94% a 11,9 euro), su cui Kepler Cheuvreux ha confermato il rating hold e prezzo obiettivo a 14,4 euro dopo i risultati del primo trimestre 2020.

Male il settore bancario con lo spread Btp/Bund in leggero allargamento a 214,587 punti base rispetto ai 210,08 pb della chiusura di ieri: Banco Bpm -2,64%, Bper -2,08%, Mediobanca -1,56%, Unicredit -1,42%, Intesa Sanpaolo -1,39%, Ubi B. -1,31%.

Tra le mid cap, denaro su Autogrill (+4,94% 4,29 euro), in scia ai giudizi degli analisti dopo i risultati dei primi tre mesi dell’anno. Banca Akros ha ridotto il prezzo obiettivo sul titolo da 6,5 a 6 euro, confermando la raccomandazione buy.

Bene Mutuionline (+2,99% a 17,2 euro), dopo che il 20 maggio 2020 il dirigente con responsabilitá strategiche di Mutuionline, Alessio Santarelli, ha acquistato sul mercato 3000 azioni della societá al prezzo medio unitario di 16,4986 euro. Il 19 maggio, invece, Cikai Srl ha acquistato sul mercato 5550 azioni Mutuionline al prezzo medio unitario di 16,055 euro, per un investimento complessivo pari a 89.105 euro.

In forte calo Igd (-4,29% a 3,01 euro), su cui Banca Imi ha abbassato la raccomandazione da buy ad add, con Tp che passa da 6,9 a 4,1 euro. In flessione anche Astaldi (-3,47%) e Marr (-2,98% a 11,74 euro), dopo che Banca Imi ha abbassato il prezzo obiettivo del titolo da 16,9 a 15 euro, ribadendo la raccomandazione buy.

Sull’Aim, denaro su Kolinpharma (+2,52%). EnVent Capital Markets, investment banking firm dedicata al mid-market, ha assistito Kolinpharma (societá nutraceutica quotata sull’Aim) e il suo azionista di controllo nel collocamento di una partecipazione del 12,2% presso quattro investitori istituzionali di primo piano.

cm

Lascia un commento