Borsa Milano prosegue negativa, giù banche, svettano Atlantia e Autogrill


Mercato azionario

MILANO, 31 marzo (Reuters) – Piazza Affari prosegue in deciso calo in un mercato dominato dall’incertezza, che segue un mese di marzo molto negativo per i corsi azionari.

Tuttavia, la Borsa italiana si muove meglio rispetto alle altre borse europee, in calo intorno al 3-3,5%, grazie ai segnali positivi che giungono dal fronte dell’epidemia del coronavirus che sembra avere raggiunto il picco in Italia.

“I segnali sono incoraggianti soprattutto in Lombardia e questo fa ben sperare”, osserva un trader.

Lo scenario resta comunque di forte preoccupazione soprattutto per le conseguenze che l’epidemia ha sull’economia. Ieri Confindustria ha stimato un calo del Pil italiano del 6% quest’anno.

Nonostante gli acquisti massicci da parte della Bce, lo spread del rendimento fra i titoli di stati decennali italiani e tedeschi si è allargato intorno a 210 punti base.

Le Banche sono vendute anche oggi mentre si allineano alla raccomandazione della Bce di non pagare dividendi. Unicredit (MI:CRDI) cede il 3,25%, Intesa Sanpaolo (MI:ISP) il 2,85%. Giù anche Banco Bpm (MI:BAMI) (-1,9%) e Ubi (MI:UBI) (-2,5%), che ieri hanno comunicato la decisione di sospendere il pagamento della cedola.

Poco mossa Mediobanca (MI:MDBI) (-0,44%), mentre Unipol (MI:UNPI) sale del 2,36%. Il titolo di Piazzetta Cuccia ha avuto un forte scossone in avvio di seduta stamani sull’informativa Consob che Unipol è entrata nel capitale di Mediobanca acquisendo sul mercato una quota dell’1,96%. A seguito del decreto Consob che vieta le vendite allo scoperto per ridurre la volatilità sui mercati, le società sono tenute a comunicare se superano la soglia dell’1% nelle quotate. Secondo il broker Equita, “è probabile che la partecipazione, costruita sfruttando la debolezza del titolo (-45% dal 21 febbraio), venga classificata come ‘held for trading'”.

Ritraccia Pirelli (MI:PIRC) che cede il 2% dopo un avvio in salita sulla scia dell’annuncio da parte di Brembo (MI:BRBI) (+0,9%) di detenere il 2,43% del capitale. La società ha detto di avere “un approccio non speculativo e di lungo periodo”. Il broker Equita scrive che “per Pirelli pur essendo positivo l`arrivo di nuovi azionisti stabili non escludiamo sia il preludio a qualche operazione straordinaria”. In realtà, il rialzo si è smorzato dopo che Marco Tronchetti Provera ha detto che la società non punta a una fusione con Brembo.

Atlantia (MI:ATL) protagonista della seduta anche oggi con un balzo intorno al 5% che si aggiunge al +7,3% registrato ieri, sulla scia delle indiscrezioni che la famiglia Benetton, che controlla Autostrade tramite Atlantia, possa scendere sotto la soglia di maggioranza in Aspi, vendendo a F2i e Macquarie.

In netto recupero anche Autogrill che balza del 3,8%, duramente colpita dalla lettera a seguito dello stop ai consumi e al traffico aereo per i coronavirus.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Lascia un commento