Borse cinesi corrono, le altre piatte

Prima giornata di settimana spumeggiante per le Borse cinesi, grazie all’ottimismo sui negoziati commerciali con gli Stati Uniti, mentre gli altri mercati si sono mantenuti sostanzialmente stabili con una lieve intonazione positiva.

L’indice Composite di Shanghai ha chiuso in aumento del 5,60% (il rialzo maggiore dal luglio 2015) mentre quello di Shenzhen è salito del 5,42%.

Cruciale l’estensione, peraltro attesa dai mercati, oltre il 1 marzo della limite per l’aumento dei dazi dal 10 al 25% su 200 miliardi di dollari di beni ‘made in China’ importati dagli Usa.

Sugli altri listini dell’area, Hong Kong in chiusura sale di mezzo punto percentuale, Tokyo ha chiuso in aumento dello 0,48%, piatta Seul, in crescita dello 0,3% Sidney

Leggermente positivi i futures sull’avvio dei mercati europei

Leggi anche altri post Milano o leggi Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer