Cellularline: utile netto adj 2019 sale a 23,3 mln (+0,8% a/a)


Grafico Azioni Crescita (BIT:CRS)
Intraday

Oggi : Giovedì 12 Marzo 2020

Clicca qui per i Grafici di Crescita

Cellularline chiude il 2019 con un utile netto adj di

23,3 mln euro, in crescita dello 0,8% rispetto ai 23,1 mln del 2018.

I ricavi delle vendite, spiega una nota, sono di 140,4 mln (+8,3% a/a),

l’Ebitda adj e’ di 33,1 mln (33,9 mln in 2018), l’operating cash flow e’

di 20,4 mln (22,2 mln in 2018). L’indebitamento finanziario netto e’ pari

a 24,6 mln (24,5 mln a fine 2018).

Il Cda proporra’ all’assemblea la distibuzione di un dividendo di 0,33

euro/azione, in crescita del 10% rispetto al 2018.

“Aver superato per la prima volta i 140 milioni di euro di ricavi,

grazie anche alla prima acquisizione, ed essere tornati a crescere nel

corso del 2019, pur in un contesto di mercato non facile, è motivo di

soddisfazione e ci conferma come player leader a livello europeo, nei

principali canali, nel mercato degli accessori. Come dimostrato, la nostra

strategia prevede di crescere anche per linee esterne e, grazie anche al

basso livello di indebitamento che ci permette di avere un’elevata

flessibilità finanziaria, continuiamo a valutare opportunità di

consolidamento del mercato – soprattutto in EMEA – nei canali e/o nelle

linee di prodotto attualmente non ancora pienamente presidiati dal Gruppo.

Per quanto riguarda lo sviluppo organico – oltre ad aver appena annunciato

il progetto di rebranding di Cellularline – abbiamo lanciato di recente

PLOOS (brand entry-level del Gruppo), BECOME (linea ecosostenibile) e

stiamo progressivamente riducendo o, laddove già possibile, eliminando la

plastica dai nostri imballaggi; anche questo è motivo di orgoglio per

tutti noi: ce lo chiedono i consumatori, ma prima ancora ce lo chiede il

nostro senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente”, ha detto

Marco Cagnetta, Co-Ceo del Gruppo Cellularline.

Con riferimento ai possibili effetti della diffusione a livello globale

del Covid19 a partire da gennaio 2020, dapprima in Asia e ora anche in

Europa, occorre rilevare che nel corso della seconda metà del mese di

febbraio, dopo il prolungamento di due settimane delle chiusure per

festività imposto dal Governo Cinese, tutte le principali fabbriche del

settore della Consumer Electronics – operanti peraltro in aree della Cina

lontane da quella di epicentro del virus – hanno ripreso le produzioni,

seppur non subito a pieno regime. Ad oggi, dopo alcune settimane di

rump-up progressivo, i partner produttivi in Asia risultano tutti

sostanzialmente operativi. Come conseguenza di ciò, benché ad oggi

l’intera supply chain della Consumer Electronics stia operando quasi

normalmente, non si può escludere che la disponibilità di specifici

prodotti possa subire temporanee limitazioni nel corso del primo semestre

del 2020. Il Gruppo Cellularline, sulla base della situazione

sopradescritta e delle informazioni ad oggi disponibili, ritiene che gli

impatti di tale tardiva riapertura delle fabbriche nel Far East non

dovrebbero essere significativi.

Secondo il management a seguito della recente diffusione del virus anche

sul territorio europeo – in primis nel mercato domestico, con il divieto,

salvo eccezioni, di mobilità delle persone e con temporanee chiusure di

numerosi punti vendita per alcune settimane – la richiesta di beni di

consumo e/o servizi risentirà della riduzione del traffico dei consumatori

presso i retailers, con effetti sulla domanda di mercato dei nostri

prodotti. Nell’attuale incertezza degli impatti economici stiamo

costantemente monitorando la situazione in tutti i mercati e canali

principali e siamo pronti ad adottare misure appropriate e mirate in

funzione dell’evolversi del contesto.

La priorita’ dell’azienda e’ ovviamente la salute e sicurezza dei nostri

dipendenti e dei nostri partner (clienti, retailer, fornitori); il Gruppo

ha pertanto posto in essere tutte le misure e i presidi necessari ad

assicurare la piena continuità di servizio ai propri clienti, nel rispetto

delle ordinanze e normative emanate dalle autorità pubbliche e con

l’obiettivo di tutelare la sicurezza per i propri dipendenti e partner.

lab

Lascia un commento