Dow Jones

Confindustria Brescia: al via progetto “Un vaccino per tutti”



È stato presentato questa mattina, durante una conferenza stampa tenuta nella Sala Beretta di Confindustria Brescia, il progetto “Un vaccino per tutti”, promosso da Confindustria Brescia in accordo con Cgil, Cisl e Uil provinciali.

All’incontro sono intervenuti Franco Gussalli Beretta (Presidente Confindustria Brescia), Roberto Zini (Vice presidente Confindustria Brescia con delega a Relazioni Industriali e Welfare), Francesco Bertoli (Segretario generale Cgil Brescia), Paolo Reboni (Segretario generale aggiunto Cisl Brescia), Raffaele Merigo (Segretario organizzativo UIL Brescia) e Mario Bailo (Segretario generale Uil Brescia).

L’obiettivo dell’iniziativa, spiega una nota. è di concorrere alla diffusione globale degli interventi vaccinali anti Covid-19 nei Paesi economicamente più fragili del mondo ed evitare che l’insorgenza di nuove varianti possa depotenziare i benefici della vaccinazione anche negli Stati che oggi sono riusciti a contenere la pandemia. Il progetto, inoltre, incentiva l’adesione alla campagna vaccinale tra le persone che lavorano nelle aziende e i loro familiari.

com/lde

fine

Segnali:


Confindustria Brescia: "A vaccine for all" project is underway

This morning, during a press conference held in the Sala Beretta of Confindustria Brescia, the project "A vaccine for all", promoted by Confindustria Brescia in agreement with the provincial Cgil, Cisl and Uil.

The meeting was attended by Franco Gussalli Beretta (President of Confindustria Brescia), Roberto Zini (Vice President of Confindustria Brescia with responsibility for Industrial Relations and Welfare), Francesco Bertoli (General Secretary of Cgil Brescia), Paolo Reboni (Deputy Secretary General of CISL Brescia), Raffaele Merigo (UIL Brescia organizational secretary) and Mario Bailo (UIL Brescia general secretary).

The goal of the initiative, explains a note. is to contribute to the global spread of anti-Covid-19 vaccination interventions in the economically most fragile countries of the world and to prevent the emergence of new variants from weakening the benefits of vaccination even in the States that have managed to contain the pandemic today.