Crac Banche. Il Fir diventa un miraggio, zero euro ai truffati veneti. La Caporetto della legge 145 e la debacle delle associazioni  | Bellunopress


Crac Banche. Il Fir diventa un miraggio, zero euro ai truffati veneti. La Caporetto della legge 145 e la debacle delle associazioni  | Bellunopress 

Giovedì 16 luglio, il Senato della Repubblica ha definitivamente convertito in legge il Decreto Rilancio, (D.L. nr. 34/2020) che all’art. 175 bis consente di velocizzare le procedure di esame delle richieste d’indennizzo da farsi ex-post anziché ex-ante in relazione al patrimonio mobiliare, ma non anche per quanto concerne le dichiarazioni dei redditi dei truffati che hanno presentato domanda al Fondo Indennizzo. Resta, peraltro, incerta la tempistica sull’adozione di questo quarto Decreto Ministeriale che dovrà recepire una proposta concordata tra Commissione Tecnica, Agenzia delle Entrate e Garante per la protezione dati personali. More solito, molte delle misure non saranno immediatamente operative, infatti la nuova legge porta a corredo ulteriori decreti e atti da emanare. Sono infatti oltre 150 i provvedimenti attuativi previsti dalla norma e di questi solo 15 sono stati già emanati dai rispettivi ministeri e tra quelli mancanti c’è anche quello pro-risparmiatori danneggiati che, va da sé, sarà in Gazzetta al più presto.
A proposito di atti e norme che i governi a guida grillina, hanno dovuto aggiungere per rendere percorribile almeno sulla carta – ma senza far arrivare i soldi in tasca ai truffati- la legge nr. 145/2018, vanno segnalati ulteriori 4 interventi legislativi: Decreto “Crescita” 2019, Legge nr. 160/2019, Decreto “Cura Italia” e quindi quello “Rilancio” appena sfornato. Per far conoscere alla platea dei danneggiati dalle…