Dagli scarti vegetali un aiuto contro le infezioni

L’utilizzo degli scarti agricoli di verdure come le carote e i finocchi per produrre oli essenziali dalle elevate proprietà antimicrobiche. Ad aver scoperto la cura naturale è uno studio realizzato dalle università di Pisa e Monastir in Tunisia pubblicato sulla rivista “Chemistry and Biodiversity”. La ricerca si è concentrata sulle parti “non convenzionali” delle carote gialle e arancioni e di alcune varietà di finocchio. In particolare, dalle foglie e dai fusti senza fiori, i biotecnologi, i farmacologi e i fitochimici delle due università hanno estratto e caratterizzato oli essenziali che si sono rivelati particolarmente efficaci contro vari microorganismi patogeni.

Tra questi, lo stafilococco aureo, il bacillo del fieno, la salmonella enterica, l’escherichia coli e la candida albicans. L’olio essenziale di finocchio della varietà “azoricum” si è in particolare dimostrato anche più efficace del farmaco antifungino di sintesi di riferimento (amfotericina…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer