Economia

Dal rosa pallido al rosso intenso: ecco i rosati spagnoli da provare subito

Il rosé spagnolo, noto anche come rosado, e una delle varietà di vino più differenti del Paese. Disponibile in molte tonalità di rosa, rosso e nella moda della “buccia di cipolla”, in Spagna si trovano rosati leggeri da gustare in una calda giornata estiva, così come quelli più profondi e complessi che si abbinano esattamente a una serie di deliziosi piatti spagnoli.

Sebbene il rosé non e così popolare in Spagna come i suoi fratelli rossi più scuri e bianchi più leggeri, molti produttori di vino lo producono, con un mercato di esportazione in forte espansione in Canada, Stati Uniti, Svizzera e altre parti d’Europa.

“La situazione in Spagna e che i rosati non sono così popolari come altrove”, conferma Esther Pinuaga, enologa dell’società biologica Bodegas Pinuaga di Toledo. “Penso che sia perché tradizionalmente erano considerati vini minori, ma e un vero peccato perché in Spagna abbiamo modi davvero interessanti e diversi di fare il rosé”, dice. Pinguaga esporta circa il 98% del rosé che produce, cosa che spera possa cambiare nei prossimi anni.

Luke Darracott e Roque Madrid, che lavorano nella Madrid & Darracott, un’enoteca della capitale spagnola, sono d’accordo.

“La Spagna e un paese di vini rossi, e in secondo ordine di vini bianchi e spumanti; al di fuori dei mesi caldi, il rosé non si trova sugli scaffali”, affermano, osservando tuttavia che “il consumo di rosé e in incremento”.

Sebbene l’esitazione del mercato, in Spagna esiste una lunga tradizione nella produzione di rosé, da Maiorca alla Catalogna. Tuttavia, secondo Darracott e Madrid, ci sono alcune regioni che spiccano. Le regioni più apprezzate e storicamente conosciute sono Navarra, Cigales, Rioja e Leon.

E sebbene esistano variazioni di stile in tutto il Paese, in generale esistono 3 diversi metodi di produzione. 

Pressatura diretta”Quando si raccolgono gli acini di uva rossa, li si pressa direttamente, senza farli macerare con le bucce. In questo modo si ottiene un vino di colore molto chiaro”, spiega Pinuaga.

Questo metodo di pressatura diretta crea vini chiari “a buccia di cipolla”, ottimi come aperitivo nelle giornate calde ed estive e da servire con formaggi molto leggeri, come il Gomero, un formaggio di capra cremoso delle Isole Canarie. 

Il formaggio di capra si sposa sempre bene con il vino rosato.
© ICEX/Fernando Madariaga

A seguito dei tempi rapidi del metodo di pressatura diretta, questi rosati chiari sono meno espressivi, e hanno un aroma più leggero. Sebbene i rosati chiari, come quelli prodotti in stile provenzale, siano di moda per ora, Pinguaga conferma che i consumatori “non devono avere paura del colore”.

“Ci sono varietà di uva spagnole dove la buccia ha molti più punti di colore, e questo significa che i buoni rosé locali prodotti con il metodo del sanguinamento tendono ad avere un colore più scuro, ma questo non vuol dire che siano dolci”.

Che cos’e il metodo del sanguinamento (sangrado)?  

Il metodo sangradoPinuaga utilizza il metodo del salasso per creare i suoi vini, utilizzando 2 varietà di uve ampiamente utilizzate per creare i rosati spagnoli, il Tempranillo e la Garnacha.

Nonostante Darracott e Madrid suggeriscano che “qualsiasi uva rossa può prestarsi bene alla produzione di rosado, dalla leggera Mencía simile al Pinot Nero, al grande e alcolico Monastrell, affermano che “le superstar in Spagna sono innegabilmente Garnacha e Tempranillo”.

Diversi grappoli di uva rossa Garnacha in una vecchia vigna a Secantilla, Cantina Viñas del Vero, Denominazione di Origine Somontano (Huesca, Aragona).
© ICEX/Juan Manuel Sanz

Per creare il suo rosé, Pinuaga dice che il suo team lascia riposare entrambe le varietà con la buccia per quasi sei ore. Poi, dice, “lo togliamo dalla buccia e fermenta senza la buccia”.

Questo metodo crea rosé con più “struttura, intensità e volume”, aggiunge.

Sono vini più adatti ad essere serviti con cibi come pesce, formaggio e il classico stufato di lenticchie spagnolo, le Lentejas. “I vini rosati si abbinano bene anche alla maggior parte dei piatti di pasta”, affermano Darracott e Madrid.

Grazie al tempo di macerazione più lungo, questi vini hanno verosimilmente un colore più ricco e profondo e sono tradizionalmente prodotti nella regione di Navarra, nel Nord della Spagna.  

Vini clareteUn altro metodo di produzione del vino rosato, ormai consolidato, e il clarete. Lo si ottiene facendo riposare insieme le uve rosse e bianche a contatto con le bucce. “Poiché c’e un’alta percentuale di bianco, hanno un colore più chiaro”, spiega Pinguaga.

Cigales, un piccolo comune vicino a Ribera del Duero, e famoso per la produzione di clarete e si dice che i suoi rosé siano più intensi e strutturati.

Darracott e Madrid suggeriscono che, grazie alla loro “freschezza e acidità al palato”, i vini rosati clarete possono essere abbinati a qualsiasi cosa, come “cibi da barbecue come carni alla griglia, verdure e hamburger (con salse dolci-salate di accompagnamento), insalate e pesce, specialmente alla griglia o con salse rosse”.

E con una così ampia varietà di vini rosati prodotti in tutta la Spagna, avrete la possibilità di testare diversi abbinamenti gastronomici.

Dal rosa pallido al rosso intenso: ecco i rosati spagnoli da provare subito

pallido rosso intenso


FIMA2917#

Show More