Eni, utile netto adj trim4 sotto attese a 0,55 mld, produzione a 1,92 mln boe


Mercato azionario

MILANO (Reuters) – Eni (MI:ENI) archivia il quarto trimestre 2019 con un un utile netto adjusted (senza le componenti straordinarie) di 0,55 miliardi di euro, in flessione del 62% rispetto allo stesso periodo del 2018 e con un utile operativo adjusted pari a 1,80 miliardi nel trimestre, in flessione del 40%.

I risultati sono sotto le attese in particolare rispetto al consensus di utile netto adj fornito dalla società pari a 0,68 miliardi.

Secondo una nota della major petrolifera, la perdita netta è di 1,89 miliardi nel trimestre, mentre è in nero per 0,15 miliardi nell’anno.

A pesare sui risultati la flessione della performance operativa e il maggiore tax rate oltre all’andamento negativo del prezzo del brent che, nel trimestre in questione, è sceso del 7% rispetto allo stesso periodo del 2018.

La produzione media annua di idrocarburi si attesta al livello record di 1,87 milioni barili/giorno, nel quarto trimestre a 1,92 milioni, in crescita dell’1,7% in entrambi i periodi considerati, sottolinea Eni. Escludendo gli effetti della cessazione del contratto produttivo Intisar, avvenuto nel terzo trimestre 2018, la variazione annua si ridetermina in +5%.

Nell’esercizio gli investimenti netti sono pari a 7,73 miliardi al netto dell’acquisizione del 20% di Adnoc Refining e di riserve per l’ammontare complessivo di 3,3 miliardi.

Quanto all’indebitamento finanziario netto, escludendo l’applicazione dell’Ifrs 16, il debito netto si determina in 11,5 miliardi, in aumento del 38% rispetto al 31 dicembre 2018 in relazione principalmente all’acquisizione del 20% di Adnoc Refining (2,9 miliardi). Includendo gli effetti dello Ifrs 16 è pari a 17,13 miliardi.

Infine, confermata la cedola complessiva per l’anno di 0,86 euro per azione di cui 0,43 euro già pagati come acconto.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Maria Pia Quaglia)

Lascia un commento