Notizie

Famiglie, il reddito migliora ma non troppo. Male il risparmio

Servizio Bankitalia

A seguito del crollo nei primi mesi di epidemia, si registra un cauto miglioramento di contesto. Ma rimangono diverse incognite

di Raffaele Lungarella

29 dicembre 2021

Ocse: “Reddito famiglie -3,8% malgrado salga il Prodotto interno lordo (PIL)”

3′ di lettura

L’insorgere della epidemia e la sua circolazione hanno inciso sulla preoccupazione delle famiglie per il loro reddito, per l’opportunità di far fronte agli impegni finanziari assunti e sul timore di non riuscire a mantenere il tenore di vita che avevano prima che il virus mettesse tutto a rischio. Il pericolo e, naturalmente, caldo più forte dai nuclei famigliari che gia si trovavano in maggiori difficoltà.

L’inchiesta Bankitalia

A 2 anni ormai dall’inizio della epidemia ė, ovviamente, ancora diffusa l’apprensione per il loro presente e per il futuro della loro capacità economica. A seguito del forte shock iniziale, non si può dire che si sia tornati al punto di partenza, ma sembra che durante questi ormai quasi 2 anni di circolazione del virus, le famiglie abbiano attenuato la percezione circa l’incertezza sul domani del loro reddito.
Questa, in breve, la lettura che si può fare dei risultati delle 6 inchieste straordinarie sulle famiglie, realizzate dalla Banca d’Italia, per monitorare la reazione economica delle famiglie alla circolazione del virus. Queste rilevazioni campionarie, con ognuna delle quali sono state intervistate sempre come minimo 2mila persone, sono state pubblicate tra giugno 2020 e novembre 2021 e coprono il periodo che va tra la fine di aprile e l’inizio di maggio del 2020 e la fine di agosto e l’inizio di settembre del 2021.

L’impatto del lock down

Nei primi 2 mesi di confinamento in casa, di chiusura di una parte delle fabbriche e delle altre attività economiche, la metà delle famiglie intervistate accusò una riduzione del reddito.

 » Leggi

Show More