FOREX-Dollaro in calo, timori ‘shutdown’ governo Usa si aggiungono a debolezza di fondo

LONDRA, 19 gennaio (Reuters) – Il dollaro è in calo, vicino ai minimi da tre anni nei confronti del paniere di principali controparti valutarie, appesantito dai timori di un possibile blocco delle attività degli uffici federali Usa che si sono aggiunti alla debolezza di fondo derivante dalle aspettative di graduale normalizzazione delle banche centrali mondiali.

** L’indice del biglietto verde, che ne traccia l’andamento nei confronti delle sei principali controparti valutarie, intorno alle 9,15 scende di 0,2% circa a 90,326, vicino al minimo da dicembre 2014 a 90,104 segnato questa settimana.

** La Camera Usa, a controllo repubblicano, ha dato il proprio via libera al provvedimento per consentire di finanziare la attività degli uffici federali in regime di proroga fino al 16 dicembre ed evitare il cosiddetto shutdown, che scatterebbe alla mezzanotte di oggi. Ma la misura deve essere ancora approvata dal Senato, dove ha incontrato resistenze trasversali, e il suo destino è incerto.

** A complicare l’approvazione da parte del Senato, l’esternazione del presidente Usa Donald Trump, secondo cui l’estensione del finanziamento del programma di assicurazione sanitaria per l’infanzia, una priorità per i Democratici, non dovrebbe essere inclusa nel provvedimento.

** Il dollaro perde terreno nei confronti della valuta unica, che sale a 1,2270 da 1,2237 dollari della chiusura , in prossimità dei massimi da tre anni segnati di recente. Dopo essersi apprezzata dello 0,5% questa settimana, l’euro potrebbe inanellare la quinta settimana consecutiva di guadagni.

** Il biglietto verde cede anche su yen a 110,67 da 111,09, in riavvicinamento al minimo da quattro mesi a 110,19 segnato mercoledì .

** Il trend discendente del dollaro, avviatosi già nel 2017, è legato per lo più alle aspettative che anche le altre principali banche centrali mondiali, cioè Banca centrale europea e Banca del Giappone, si allineeranno gradualmente alla Federal Reserve, mettendo fine alle politiche monetarie ultra-espansive adottate dopo la crisi finanziaria del 2008. ORE 9,30 CHIUSURA EURO/DOLLARO 1,2271/75 1,2237 DOLLARO/YEN 110,61/64 111,09 EURO/YEN 135,79/83 135,96 EURO/STERLINA 0,8813/14 0,8809 ORO SPOT 1.336,26/6,84 1.327,10