GM, Ford e Fiat Chrysler puntano a 18 maggio per riavvio produzione Usa – WSJ


Mercato azionario

(Reuters) – General Motors (NYSE:GM), Ford Motor e Fiat Chrysler (MI:FCHA) puntano al 18 maggio come data per una parziale ripresa della produzione negli stabilimenti statunitensi in seguito allo stop iniziato a marzo a causa dell’epidemia di coronavirus.

Lo ha scritto ieri il Wall Street Journal, citando fonti vicine alla situazione, aggiungendo che negli scorsi giorni i vertici delle società hanno stabilito orientativamente la tempistica dopo essersi consultati con i leader del sindacato United Automobile Workers(Uaw) e l’ufficio del governatore del Michigan Gretchen Whitmer.

Ford ha dichiarato in una nota che non ha ancora deciso quando riprenderà la produzione negli stabilimenti del Nord America, mentre Fiat Chrysler ha detto che le date di riapertura verranno comunicate a tempo debito.

La scorsa settimana il numero uno del sindacato Uaw ha dichiarato che è “troppo presto e troppo rischioso” riaprire gli stabilimenti di produzione auto e far ripartire l’economia del Michigan a inizio maggio, citando rischi per i lavoratori.

Il governatore del Michigan Whitmer non ha ancora fornito dettagli per quanto riguarda la ripartenza del settore manifatturiero, di vitale importanza per lo stato, e ha dichiarato che si farà “guidare dai dati e non da date scelte a tavolino”.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, le aziende stanno lavorando con i sindacati per tracciare protocolli di sicurezza atti a ridurre l’esposizione al rischio per i lavoratori, ma i termini non sono stati ancora definiti.

Non è stato possibile per il momento avere un commento da General Motors e Uaw.

Secondo cifre Reuters ferme a ieri, il Michigan ha registrato 38.210 casi di Covid-19, di cui 3.407 vittime.