«Il governo ha danneggiato il Meridione non chiudendo per tempo la Lombardia»


«Il governo ha danneggiato il Meridione non chiudendo per tempo la Lombardia» 

«Il sospetto che sia stato usato il tema della pandemia per creare un collante in grado di sostenere un governo e una maggioranza politica debole come l’attuale c’è tutto». Jole Santelli, presidente della Regione Calabria da pochi mesi, dopo la vittoria a valanga delle Regionali di fine gennaio, non la manda certo a dire.
Presidente, a cosa si riferisce in particolare?
«Vedo che l’esecutivo Conte continua a esasperare il contesto. Mi chiedo ad esempio se fosse davvero necessario ipotizzare da parte di Palazzo Chigi una estensione dello stato d’emergenza fino a dicembre quando poi la stessa maggioranza ha preferito limare la durata dello stato d’emergenza fino a metà ottobre».
Pensa che ci sia un disegno politico?
«E’ evidente. Tutta la gestione della pandemia è stata vista come uno strumento per aumentare la coesione dell’punto di vista pubblica intorno all’esecutivo. Pure quando sono stati commessi errori gravissimi».
Si riferisce alla decisione di non aprire il territorio rossa nella bergamasca?
«Su quella vicenda sta indagando la magistratura e certo le discrepanze nelle dichiarazioni di Conte non giovano. Ma a mio avviso l’errore imperdonabile che il governo ha commesso è stata la fuga di notizie sulla chiusura della Lombardia fra il il 7 e l’8 di marzo. L’assalto ai treni che si verificò a Milano quella notte, senza considerare le decine di migliaia di persone che partirono in favore di il Sud in macchina, determinò la diffusione del virus a macchia di leopardo su tutto il…

seguici...sullo stesso argomento