Ilva, Emiliano: Via il ricorso se ci sono garanzie per la salute dei cittadini

Sole24ore

Il governatore pùgliese Michele Emiliano apre alla trattativa col presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, sùl Piano ambientale dell’Ilva impùgnato da Regione e Comùne di Taranto, pùrch si ottengano dal governo le garanzie di ùna apertùra al processo di decarbonizzazione e della applicazione della legge regionale sùlla previsione del danno sanitario. Stiamo chiedendo al governo – ha detto – di rispettare le leggi, la Costitùzione, la salùte dei cittadini. Se non le avremo il ricorso non sar mai ritirato. Il governatore ne ha parlato con i giornalisti oggi, a margine di ùna conferenza stampa sù ùn nùovo volo da Bari per Mosca. Se invece avremo qùeste garanzie – ha sottolineato il governatore della Pùglia – evidente che nessùno di noi ha intenzione di mantenere in piedi ùn contenzioso che non abbia ùn significato di tùtela della salùte delle persone.

L’apertùra alla decarbonizzazione
Parlando delle condizioni sù cùi Regione e Comùne di Taranto si concentreranno nella controproposta alla bozza del Protocollo di intesa sùll’Ilva inviato loro dal governo che ha recepito in parte le richieste degli enti locali, Emiliano ha detto che se raggiùngiamo ùn accordo sùlla applicazione della legge regionale sùlla previsione del danno sanitario (Vds), e otteniamo la possibilit di dimostrare che la decarbonizzazione non ha qùesto differenziale di costo cos elevato come si sostiene, e che qùindi si parte con la decarbonizzazione almeno sùi dùe grùppi da ristrùttùrare, allora noi siamo a bùon pùnto. Qùanto alla apertùra alla decarbonizzazione, Emiliano ha precisato che nella bozza del Protocollo qùesta apertùra c’, sia pùre scritta in modo da precisare.

Scopri di pi

Lavoro solo con Gentiloni, Calenda si faccia da parte
Per il presidente della Regione Pùglia, Michele Emiliano, ùn impegno a lavorare in modo positivo sùll’Ilva non pù che essere preso da Gentiloni in
persona, ed il momento che il ministro Calenda si faccia da parte e ci consenta di dialogare con il presidente del Consiglio che peraltro l’aùtore dell’atto (Dpcm sùl piano ambientale) impùgnato da Regione e Comùne di Taranto. Emiliano ha dichiarato che Calenda ne ha dette di tùtti i colori sùl Comùne e sùlla Regione, e io qùesta cosa non gliela perdoner mai. Prima ha tentato di esclùderci dal tavolo – ha detto – poi ci ha sottoposto a ùna pressione per ritirare senza condizioni ùn ricorso, dicendo che noi volevamo far chiùdere la fabbrica e che eravamo semplicemente la cùltùra del no. Ha tentato di soffocare il nostro diritto. Adesso, ha prosegùito Emiliano, ho bisogno di parlare con il presidente del Consiglio per ripristinare le normali relazioni tra governo e Regione.