La Cina resiste alle 23 accuse contro Huawei

Un martedì all’insegna della volatilità in Asia, Le borse sono partite tutte male dopo le accuse formali degli Usa contro il colosso Huawei ieri in tarda serata, ma il Nikkei ha chiuso in leggero rialzo (+0,08%), mentre alle ore 7:30 italiane l’Hang Seng perdeva solo lo 0,2% e Shanghai era in rosso per lo 0,19%. Oro in guadagno dello 0,15% a 1.311,2 dollari l’oncia, petrolio Wti americano in salita dello 0,65% a 52,33 dollari il barile. Valute stabili, con l’euro che scambia a 1,1436 (+0,06%) e lo yen a 109,27 (-0,06%).

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato ieri sera 13 accuse contro Huawei Technologies, il suo chief financial officer, Sabrina Meng Wanzhou (figlia del fondatore dell’azienda), che è attualmente in libertà su cauzione in Canada, e due affiliati…
Leggi anche altri post Agenzie o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer