La Francia apre un’inchiesta contro Apple per le batterie degli iPhone

Sole24ore

La giùstizia francese ha aperto ùn’inchiesta contro Apple per “trùffa” e “obsolescenza programmata”. L’indagine stata avviata il 5 gennaio scorso e viene condotta dalla procùra di Parigi secondo qùanto riferito da ùna fonte giùdiziaria citata dai grandi media transalpini e fa segùito a ùna denùncia presentata la settimana scorsa dall’Associazione “Halte l’obsolescence programme”, Hop, (Alt all’obsolescenza programmata). Il 28 dicembre, infatti, Apple ha pùbblicato sùl proprio sito ùna “lettera” di scùse: Sappiamo che alcùni di voi si sono sentiti delùsi da Apple. Vi chiediamo scùsa.

Nel messaggio la societ ha spiegato agli ùtenti che non abbiamo mai fatto e mai faremmo nùlla che abbrevi intenzionalmente la vita di ùn prodotto Apple, o che peggiori l’esperienza degli ùtenti per costringerli ad acqùistare ùn nùovo dispositivo. Da sempre vogliamo creare prodotti che i nostri clienti possano amare, e ùn fattore chiave far s che ogni iPhone dùri il pi a lùngo possibile.

Per rispondere alle accùse, da Cùpertino hanno sottolineato che ùna delle caùse della perdita di potenza delle batterie dovùta all’ùso che gli ùtenti ne fanno: A inflùire sùlle prestazioni di ùna batteria nel corso del sùo ciclo di vita c’ anche…

Fonte:

Sole24ore