La Lega «sogna» la flat tax: tassa piatta in dieci paesi europei

Nove paesi in Europa, soprattutto a Est, hanno messo in campo la “flat tax”, l’aliquota unica forfettaria a cui punta la Lega di Matteo Salvini, uno dei due azionisti di maggioranza dell’esecutivo giallo verde. Dopo una settimana dai toni accesi, che hanno registrato un braccio di ferro all’interno del governo sul tema della riforma dell’Irpef, il Def uscito dal Consiglio dei ministri si limita a mettere nero su bianco che l’intervento si concentrerà sul «processo di riforma delle imposte sui redditi (“flat tax”) e di generale semplificazione del sistema fiscale, alleviando l’imposizione a carico dei ceti medi». Il tutto «nel rispetto degli obiettivi di finanza pubblica definiti nel Programma di Stabilità». Insomma, nessuna indicazione sull’aliquota.

Il pressing di Salvini sulla flat tax ma Tria e Di Maio chiudono
Al pressing di Salvini per inserire nel Documento di economia e di finanza fin da subito un’unica aliquota al 15% «fino alla soglia dei 50mila euro» il ministro dell’Economia Tria, spalleggiato dal vicepremier pentastellato Di Maio, ha risposto: o si fa la tassa piatta e si abbassano le tasse, o si sterilizza l’Iva . Insomma: “tertium non datur”.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer