Lavoro, a gennaio cresce l’occupazione. Ma donne e giovani restano al palo

MILANO – A gennaio la disoccupazione italiana è rimasta ferma al 10,5 per cento, lo stesso livello di dicembre, a fronte di un lieve aumento delle persone occupate e di quelle che cercano lavoro. La crescita di 21mila occupati rispetto al dicembre 2018, però, ha lasciato al palo le donne; mentre i più giovani hanno mostrato un aumento del tasso di disoccupazione.

I dati provvisori dell’Istat mostrano che a determinare il miglioramento degli occupati è stato l’andamento del lavoro stabile, con 56.000 dipendenti fissi in più, mentre si osserva un calo dei dipendenti a termine (-16.000) e degli autonomi (-19.000). L’aumento dell’occupazione, si evince dal report dell’Istituto di statistica, riguarda esclusivamente gli uomini: il complessivo miglioramento di 21mila occupati è infatti dato da 27.000 maschi al lavoro in più rispetto a dicembre e da…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer