M5S all’attacco di Bankitalia: si cambia, non temiamo poteri forti

Il Movimento cinque stelle torna all’attacco di Bankitalia, con un post sul blog delle Stelle sul «nuovo corso» di Palazzo Koch. «Quello che vogliamo come Governo del Cambiamento – si legge – è solo di esprimerci sui nomi dei vertici di Banca d’Italia e Consob. Ci è consentito dalla legge e lo faremo senza paura di toccare qualche potere forte». Dopo Consob, spiega il Movimento, «è il turno di Banca d’Italia, ed una cosa è certa: chi ha partecipato alla vigilanza degli ultimi anni, la più fallimentare della nostra storia, non può rimanere al suo posto come se nulla fosse successo».

Tra le proposte c’è quella di «cambiare i vertici, azzerarli se necessario», per «mandare un messaggio ai risparmiatori traditi: lo Stato torna ad essere garante del risparmio, sciogliendo i legami incestuosi tra politica e finanza. E lo fa dopo aver stanziato un fondo da 1,5 miliardi di euro per risarcire azionisti e obbligazionisti colpiti dal sistema finanziario».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer