M5S dal trionfo al flop elettorale in 12 mesi. Che cosa non ha funzionato

Sono arrivati al Governo con la Lega da assoluti trionfatori, forti del 32,6% dei consensi ottenuti alle elezioni del 4 marzo e di ben 331 seggi conquistati in Parlamento, contro il 17% e i 181 parlamentari del Carroccio. Ma, un anno dopo, i Cinque Stelle appaiono in sofferenza: i risultati delle regionali che si sono susseguiti da allora sono tutti deludenti.

In Abruzzo lo scorso 10 febbraio ha visto dimezzare i voti rispetto alle politiche (20% contro 40%) mentre l’alleato li raddoppiava. In Sardegna è andata anche peggio: anche nell’Isola, dove il 4 marzo aveva conquistato il 42% dei voti, il Movimento si è piazzato solo terzo, dietro il centrodestra e il centrosinistra, crollando sotto al 9 per cento. Se alle europee lo scenario dovesse ripetersi, decreterebbe il rovesciamento dei rapporti di forza nell’Esecutivo. Con conseguenze imprevedibili.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer