Marina militare di Taranto, via libera al progetto di ampliamento


Marina militare di Taranto, via libera al progetto di ampliamento 

Via libera del Cipe, il 28 luglio, al progetto di ampliamento della base navale di Taranto della Marina Militare. Quello approvato dal Comitato interministeriale della programmazione economica presieduto dal primo ministro Giuseppe Conte, è un intervento per complessivi 203 milioni di euro.

Tutto il progetto è diviso in due tranche: 191 milioni per ampliare la base, che ha sede in località Chiapparo, alle porte di Taranto, e altri 11,6 milioni per riqualificare la stessa area Chiapparo. In questa prima fase, però, viene attivato solo un finanziamento parziale di 79 milioni, presi dal Fondo Sviluppo e Coesione della programmazione 2014-2020.

Risorse che serviranno all’intervento sul primo lotto funzionale, il molo Rotundi, e a programmare e realizzare la riqualificazione dell’area Chiapparo. I 79 milioni sono spalmati in un quinquennio. Si parte nel 2021 con 2,82 milioni, quindi, di seguito, 8,5 nel 2022, 20,7 nel 2023, 23,6 nel 2024 e altrettanti nel 2025. «Permettere l’attracco delle unità navali maggiori e rispondere alle nuove esigenze della Marina Militare»: ecco l’obiettivo del progetto che ha ricevuto l’ok dei ministri della Difesa, Lorenzo Guerini, e del Sud, Giuseppe Provenzano.

La base ampliata consentirà l’ormeggio di 19 navi con i relativi equipaggi. Per la Marina Militare, in questo modo Taranto si conferma nel ruolo di base navale principale, che «risulta essere un volano economico per il comparto navale e meccanico in considerazione dei volumi finanziari dedicati dalla Difesa per le manutenzioni ordinarie …