Nel 2019 welfare aziendale nel 52,7% dei contratti


Nel 2019 welfare aziendale nel 52,7% dei contratti

È cresciuto il ruolo del welfare aziendale, come certificato dall’aumento del numero dei lavoratori italiani coinvolti e dal più alto livello di conoscenza tra i lavoratori stessi. È il quadro che emerge dal 3° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, considerato come uno degli strumenti nuovi e potenzialmente più efficaci per migliorare la qualità della vita dei lavoratori, per contenere le disuguaglianze e anche per ammortizzare gli effetti attesi, sia concreti che psicologici, della rivoluzione tecnologica.Di fronte a quest’ultima, infatti, non può non colpire la distanza di sentiment tra aziende e lavoratori. All’ottimistico entusiasmo dei vertici aziendali si contrappone il sentiment di preoccupazione dei lavoratori, e di vera e propria paura tra operai ed esecutivi. Una deriva dicotomica tra aziende e lavoratori alla base di un potenziale cortocircuito delle relazioni industriali.In crescita del 6,6% il welfare aziendale nei contratti Dei 17.300 contratti attivi depositati telematicamente al…

fonte