Nuovo comunicato: la Cina si scaglia nuovamente contro le crypto


criptovalute

Gli istituti cinesi di regolamentazione finanziaria hanno invitato le autorità di Pechino ad adottare dei provvedimenti per prevenire l’uso delle criptovalute.

In un comunicato del 27 dicembre, pubblicato sul sito web dell’Autorità cinese di regolamentazione dei valori mobiliari (CSRC), sono stati definiti i rischi legati all’avvento delle valute digitali, quali forte incremento del trading di crypto, erogazione di mutui ancorati al valore delle valute digitale e introduzione di prestiti a tasso zero, nonché la violazione di varie disposizioni della Banca popolare cinese (PBC). Firmatari del comunicato sono quattro istituti di regolamentazione di Pechino.

Per scongiurare questi rischi, tali istituti hanno invitato le autorità locali a contrastare attività illecite legate alle criptovalute. L’invito è in linea con la posizione assunta dal governo cinese nei confronti delle valute digitali: in particolare, le persone né fisiche né giuridiche possono effettuare vendite, investimenti o transazioni aventi ad oggetto valute digitali e nemmeno ingaggiare agenti cinesi o stranieri per scambiare criptovalute.

Leggi il testo completo su Cointelegraph