Pagamenti contactless, attenzione alle commissioni internazionali: rischio costi occulti


Pagamenti contactless, attenzione alle commissioni internazionali: rischio costi occulti 

I pagamenti contactless si effettuano avvicinando semplicemente la carta di credito, o lo smartphone, a un terminal, senza bisogno di un contatto diretto tra i dispositivi. Ma non tutti sanno che per alcune carte di debito presenti sul mercato italiano non è disponibile la funzionalità contactless per il circuito domestico: in questi casi il pagamento viene dirottato in automatico sul circuito internazionale.

APPROFONDIMENTI

Bankitalia parla di asimmetria tecnologica e chiede a banche, istituti di pagamento e istituti di moneta elettronica di contattare direttamente sia gli esercenti convenzionati sia i titolari delle carte interessate dal problema per metterli al corrente degli oneri applicati quando si usa il circuito internazionale, che presenta commissioni interbancarie di un peso diverso rispetto a quelle applicate sul circuito domestico.

Pagamenti bancomat e carta contactless: dal primo gennaio si alza a 50 euro la soglia senza pin

Così via Nazionale in un comunicato dedicato ai pagamenti contactless: «Abbiamo chiesto agli intermediari di adottare una più ampia strategia di interventi finalizzata a realizzare, entro il 31 dicembre 2021, la sostituzione delle suddette carte con altre che consentano alla clientela l’esercizio del diritto di scelta del circuito di pagamento. Analoga sollecitazione è stata rivolta al gestore del circuito domestico di carte di debito, ai fini dell’assunzione di tutte le iniziative di competenza».

In Italia i terminali per i…

[su_tabs style=”red” active=”1″ vertical=”no” mobile=”stack” class=””] [su_tab title=”seguici” disabled=”no” anchor=”” url=”” target=”blank” class=””][/su_tab] [su_tab title=”…sullo stesso argomento” disabled=”no” anchor=”” url=”” target=”blank” class=””]
[/su_tab] [/su_tabs]