Puglia, “il 40 per cento delle aziende agricole in crisi di liquidità”


Puglia, “il 40 per cento delle aziende agricole in crisi di liquidità” 

A seguire un comunicato diffuso da Cia Puglia:

Agromafie e difficoltà di accesso al credito per le imprese del settore agroalimentare. Se ne è parlato martedì 4 agosto ad Avetrana, nel fortilizio “Il Torrione”, in una tavola rotonda organizzata da CIA Agricoltori Italiani della Puglia Area Due Mari (Taranto-Brindisi) e Confindustria Taranto. Partner dell’iniziativa sono stati Camera di Commercio di Taranto, BCC Avetrana e il Comune di Avetrana.
I temi, introdotti dai saluti del primo cittadino di Avetrana Antonio Minò, del componente di giunta della Camera di Commercio Luca Lazzàro, del presidente area Due Mari della CIA Pietro De Padova e del vice presidente di Confindustria Taranto Salvatore Toma, sono stati affrontati e sviscerati da invitati illustri: Beatrice Lucarella (presidente della sezione Industrie Alimentari del Turismo e della Cultura), Cosimo Lanzo (consigliere BCC Avetrana), Mauro Di Zio (vice presidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani). Ha preso parte all’appuntamento pure Giuseppe Bellassai (Questore di Taranto).
A moderare l’appuntamento, Nicola Mangialardi, giornalista esperto del settore agroalimentare e direttore Assogal Puglia.
«La crisi economica conseguente al lockdown(la chiusura) – è stato il commento del Questore di Taranto Giuseppe Bellassai – potrebbe prestare il fianco ad infiltrazioni di organizzazioni mafiose nel tessuto economico ed in particolare nel settore agricolo, faro dell’economia pugliese. Per questo è nostro…

seguici...sullo stesso argomento