Quota 100, arrivate all'Inps 78.432 domande. Fuga da scuola e sanità

A oggi sono 78.432 le domande per l’accesso alla pensione con quota 100 arrivate all’Inps. La grande maggioranza continua a provenire dagli uomini (56.754, pari al 72,36%) e allo stesso tempo rimane maggioritaria la percentuale delle richieste arrivate da dipendenti pubblici (29.961) rispetto ai privati (28.868). Dalle gestioni degli autonomi sono arrivate nel complesso oltre 13.500 istanze. Ammontano a 26.255 le domande giunte da chi ha meno di 63 anni mentre 36.571 sono quelle arrivate da chi ha tra i 63 e i 65 anni di età (15.836 le domande arrivate da over 65). È Roma la provincia dalla quale è arrivato il maggior numero di domande (5.682).

Un’emorragia di circa 23mila medici in tre anni. In tanti potrebbero lasciare il Servizio sanitario nazionale tra il 2019 e il 2021 per effetto sia del raggiungimento dei limiti per la pensione sia della quota 100, considerando la stima fatta dal sindacato medici dirigenti Anaao-Assomed. Un quadro di forte allarme secondo il segretario nazionale Carlo Palermo per il quale oggi i medici in servizio nel Ssn sono infatti circa 105mila e se si creasse un tale vuoto «ciò porterebbe ad una pesante riduzione dei servizi per i cittadini. Tali fuoriuscite, infatti, arriverebbero in un contesto attuale della Sanità italiana che è già di forte degrado». Preoccupazione analoga a quella manifestata nei giorni scorsi dal sindacato della scuola, comparto in cui si prevede un numero altrettanto cospicuo di uscite.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer