Reddito cittadinanza, Istat: obbligo di patto per il lavoro per un terzo dei beneficiari

Circa un terzo dei beneficiari del reddito di cittadinanza avrà l’obbligo di sottoscrivere il Patto per il Lavoro. È quanto emerge dalla simulazione dell’Istat sul decretone – presentata in audizione alla Camerail giorno prima dell’avvio delle domande per gli assegni– che calcola una platea complessiva di 2,7 milioni di individui. Si tratta di 897 mila persone di età compresa tra i 18 e i 64 anni, oltre la metà tra i 45 e i 64 anni. La gran parte, circa 600mila, ha la licenza media o nessun titolo di studio. In prevalenza si tratta di disoccupati (492mila) e casalinghe (373mila) ai quali ui i Centri per l’impiego dovranno trovare un’offerta di lavoro congrua. Si tratta per lo più di cittadini italiani (760mila), mentre gli extracomunitari sono circa 100mila.

GUARDA IL VIDEO: Reddito di cittadinanza: l’offerta di lavoro congrua è quella da 858 euro

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer