Salvini spinge Tav, autonomia e sblocca-cantieri: decreto ora

Matteo Salvini morde il freno. Lo stallo sulla Tav pesa, così come le resistenze dei pentastellati sull’Autonomia. Ma soprattutto a preoccupare il vicepremier della Lega è la recessione che avanza e il rischio trovarsi a breve a doversi difendere dalle accuse (anche degli alleati del centrodestra) di essere azionista del Governo dei «No». Così ieri prima anticipa di aver inviato al premier la bozza di un decreto legge per sbloccare i cantieri, poi convoca un vertice al Viminale con i governatori di Veneto e Lombardia e la ministra Stefani annunciando che nei prossimi giorni si confronterà con lo stesso Conte e Di Maio sulla «sintesi finale» delle intese regionali. Un’accelerazione in piena regola, in cui rientra anche la Tav. Si parla di un incontro «a ore» con il premier e vicepremier M5S. Salvini vuole che il governo dia il via libera a Telt, il consorzio italo-francese, di avviare i bandi per il tunnel nel Cda dell’11 marzo: «Ho dato la mia parola e il governo non cade ma il M5S continui a lavorare».

L’avvertimento si concretizza nel corso della giornata. Dalla Sardegna, dove è tornato ieri per un bagno di folla, fa sapere di aver consegnato al premier Conte la proposta di «un decreto-legge messo a punto dagli uffici della Lega per sbloccare i cantieri». Un provvedimento urgente su cui – sottolinea – «mi aspetto che Conte entro oggi (ieri ndr) mi dia una risposta positiva» perché «se non ripartono i cantieri il Paese rimane fermo». A Palazzo Chigi la dichiarazione del leader della Lega non viene presa affatto bene. La risposta è gelida. «I suggerimenti del ministro dell’Interno sulle modifiche al codice degli appalti,insieme agli altri oltre duemila suggerimenti di modifica già ricevuti – sottolineano fonti autorevoli della Presidenza del Consiglio –, andranno a integrare lo schema di decreto legge per far ripartire i cantieri al quale il premier Giuseppe Conte insieme al ministro Toninelli, sta lavorando personalmente da settimane». Più o meno quello che ripete anche il ministro delle Infrastrutture che derubrica a semplice «contributo» la proposta di Salvini.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer