Sanlorenzo: utile netto gruppo 2019 a 27 mln (+117,3% a/a)


Grafico Azioni Sanlorenzo (BIT:SL)
Intraday

Oggi : Venerdì 13 Marzo 2020

Clicca qui per i Grafici di Sanlorenzo

Sanlorenzo, società quotata sullo Star e leader a livello mondiale per numero di yacht di lunghezza superiore ai 30 metri, ha chiuso il 2019 con un utile netto di 27 mln (+117,3% a/a).

In una nota si legge che i ricavi netti dalla vendita di nuovi yacht (Ricavi Netti Nuovo) consolidati si sono attestati a 455,9 milioni di euro (+39,3% a/a), l’Ebitda rettificato consolidato a 66 milioni di euro (+73,4% a/a) e l’Ebit consolidato a 43,1 milioni di euro (+84% a/a).

L’indebitamento finanziario netto di gruppo al 31 dicembre 2019 è stato pari a 9,1 milioni di euro rispetto a 75,4 milioni di euro pro forma al 31 dicembre 2018. Proposta la destinazione dell’utile netto di esercizio a riserve, secondo quanto definito dalla politica di distribuzione dei dividendi approvata in data 9 novembre 2019.

Massimo Perotti, Presidente Esecutivo della Società, ha dichiarato che “i risultati approvati oggi confermano il raggiungimento dei target indicati in fase di Ipo posizionandosi nella fascia alta delle previsioni. Non possiamo che essere soddisfatti di questo e del fatto che tutte le divisioni del gruppo abbiano registrato un andamento più che positivo. Entro breve comunicheremo i dati del primo trimestre 2020 in corso che ad oggi rileva un buon andamento delle vendite con un portafoglio ordini che vale oltre 500 milioni di euro al 29 febbraio consentendoci un’importante visibilità sul 2020 e 2021”.

“In occasione del Consiglio d’Amministrazione previsto per l’11 maggio 2020 avremo inoltre modo di indicare la guidance per il 2020 anche in considerazione degli eventi straordinari legati al COVID-19.

Le autorità preposte hanno fortemente invitato tutta la popolazione al rigoroso rispetto di norme prudenziali per evitare il diffondersi del coronavirus. Allo stato viene consentita la prosecuzione delle attività produttive, seppur con prescrizioni che la Società sta attuando in modo rigoroso per salvaguardare la salute dei lavoratori e per contenere eventuali diffusioni del virus. La situazione è dunque di chiara emergenza nazionale, ma allo stato non compromette il funzionamento della Società”.

Per quanto riguarda l’evoluzione prevedibile della gestione il gruppo ha riferito che il backlog al 29 febbraio 2020 risulta pari a 500,8 milioni di euro, di cui 377,5 milioni di euro relativi al 2020 e 123,3 milioni relativi agli esercizi successivi. Tali valori risultano in aumento di complessivi 56,5 milioni di euro rispetto alla chiusura dell’esercizio 2019.

Ad oggi, l’attuale situazione legata al diffondersi del Covid-19 non ha avuto impatti di rilievo sullo svolgimento dell’attività. Relativamente ai risultati attesi per l’esercizio in corso, la società monitora costantemente l’evoluzione della situazione e i suoi effetti sul mercato e ha già intrapreso importanti azioni per proteggere il gruppo e mitigare possibili effetti negativi. Il management prosegue nella direzione strategica intrapresa per lo sviluppo e la crescita del gruppo, anche per l’esercizio 2020, sulla base delle linee già comunicate in sede di Ipo che vedono l’espansione della gamma di prodotto, la diversificazione dei mercati, lo sviluppo del business dei servizi e l’incremento dell’efficienza produttiva e della profittabilità.

com/sda

susanna.scotto@mfdowjones.it

Lascia un commento