Dow Jones

Servizi I.: utile netto cons. 30/06 a 4,4 mln (-0,2 mln in 1* sem. 2020)



Servizi Italia nel primo semestre dell’anno ha realizzato un utile netto consolidato pari a 4,4 milioni di euro, rispetto alla perdita di 0,2 mln registrata nello stesso periodo del 2020.

Il fatturato consolidato del gruppo nel corso del primo semestre del 2021 – spiega una nota – si è attestato a 125,1 milioni, in aumento del 6,1% (9,2% a parità di cambi) rispetto al primo semestre 2020.

L’Ebitda consolidato è passato da 27,5 milioni dei primi sei mesi del 2020 a 33,5 al primo semestre 2021.

L’Ebit è passato da 0,2 milioni di euro nel corso dei primi sei mesi 2020 (0,2% rispetto al fatturato di periodo) a 6,3 milioni nel corso del medesimo periodo 2021.

L’indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2021 è pari a 135,8 milioni, in aumento rispetto a 129,6 milioni del 31 dicembre 2020.

Nel quadro generale generale, pur mantenendo previsioni di una marginalità operativa complessivamente positiva nel prevedibile futuro, la gestione sarà interessata da una ripresa moderata del fatturato del settore lavanolo domestico e una costante ricerca di efficienza volta a mantenere la stabilità dei margini operativi che, in parte, potranno essere sostenuti dall’ulteriore sviluppo dei settori a più alta marginalità.

Resta fondamentale il focus sulla reingegnerizzazione e riorganizzazione del modello organizzativo basato su nuove tecnologie e digitalizzazione di processi che consentono l’efficientamento di attività operative e di supporto al business. Proseguirà il ricorso agli istituti e strumenti di legge per la gestione del personale, dialogando con le Organizzazioni Sindacali e le rappresentanze dei lavoratori a livello aziendale, con l’obiettivo di cercare soluzioni condivise per rispondere alla situazione epidemiologica e di mercato.

Il gruppo, inoltre, nel suo complesso potrà beneficiare degli effetti della strategia di internazionalizzazione consolidando i positivi risultati ottenibili nei Paesi in cui opera, in particolare in Brasile e Turchia.

“Il gruppo dispone di una situazione patrimonialmente solida, la quale consentirà di traguardare il periodo di crisi contingente ed il prossimo futuro con un buon equilibrio finanziario e mantenendo un buon merito creditizio presso gli istituti bancari. Alla luce delle considerazioni di cui sopra, il gruppo rimane fiducioso di poter gestire efficacemente gli effetti della crisi epidemiologica in corso congiuntamente agli obiettivi futuri”, spiega la società.

“I risultati del primo semestre 2021 – ha dichiarato Roberto Olivi, Presidente del Comitato Esecutivo di Servizi Italia – evidenziano gli sforzi del management orientati al raggiungimento degli obiettivi strategici individuati in sede di pianificazione e le azioni volte al contenimento degli impatti della crisi epidemiologica sulle nostre attività. In questo percorso, è fondamentale il processo di concentrazione e rinnovo degli assetti industriali finalizzati a garantire l’efficienza in ogni segmento operativo ed hanno contribuito positivamente l’operazione di cessione del ramo workwear per concentrare le risorse nel core business sanitario e gli accordi commerciali su forniture strategiche raggiunti con i principali fornitori dell’area Italia. I risultati di questo semestre, ottenuti in un contesto generale fortemente condizionato dagli effetti della pandemia, evidenziano altresì la capacità del Gruppo di reagire con forza e determinazione anche a situazioni di imprevedibile gravità. I risultati mettono in luce crescite positive in tutte le aree in cui il Gruppo opera, segnando anche un progressivo rinnovamento del portafoglio clienti dell’area italiana che ha favorito una graduale ripresa dei margini del lavanolo, segmento ancora appesantito dalla divisione alberghiera che ha operato nei primi quattro mesi dell’anno in sostanziale assenza di fatturato. Il mercato estero registra crescite organiche a doppia cifra e ottimi risultati in termini di marginalità per Brasile e Turchia nonostante un considerevole deprezzamento delle valute di riferimento rispetto all’Euro. Pur nella consapevolezza che il positivo trend di crescita del primo semestre 2021 sarà influenzato dall’impatto che le varianti del Covid-19 avranno nei prossimi mesi, il nostro obiettivo rimane quello di confermarci leader di mercato e preservare la solidità finanziaria del gruppo, continuando in tal modo a sostenere e tutelare tutti gli stakeholder”.

com/cce

Segnali:

nessun segnale

I services: net profit cons. 30/06 to 4.4 million (-0.2 million in 1 sem. 2020)

Servizi Italia in the first half of the year achieved a consolidated net profit of € 4.4 million, compared to the loss of 0.2 million recorded in the same period of 2020.

The consolidated turnover of the group in the first half of 2021 - explains a note - stood at 125.1 million, up by 6.1% (9.2% at constant exchange rates) compared to the first half of 2020. Consolidated Ebitda went from 27.5 million in the first six months of 2020 to 33.5 million in the first half of 2021.

Ebit went from 0.2 million euros during the first six months of 2020 (0.2% compared to the turnover for the period) to 6.3 million during the same period of 2021.