Stefani e Lezzi, le due donne in campo nella partita Nord-Sud giocata nella maggioranza

Il braccio di ferro all’interno della maggioranza sull’autonomia differenziata, e più in generale sulle nuove competenze delle regioni, è una partita difficile che vede scendere in campo due ministri donna. La prima, Erika Stefani, leghista, è responsabile degli Affari regionali e delle Autonomie nel governo Conte. La seconda, Barbara Lezzi, pentastellata, è ministro per il Sud nello stesso esecutivo.

Da un’audizione alla Camera a un vertice con le Regioni
La prima, che si è detta «determinata ad andare avanti» con l’autonomia regionale, sarà audita alla Camera giovedì prossimo, 21 febbraio, davanti alla Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale. La collega di governo Lezzi ha invece convocato per il giorno prima, mercoledì 20, un vertice con le Regioni per discutere delle Zes, le Zone economiche speciali.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer