Notizie

Supplente fa appello per aggiornarsi con carta docente, lo vince e ottiene 3mila euro

ServizioDiritto alla formazione

Scuola, la decisione del Tribunale del lavoro di Bologna sulla carta annuale del docente. L’Anief: invitiamo tutti gli aventi diritto a percorrere la stessa strada

di Redazione Scuola

18 gennaio 2023

«Gli insegnanti italiani precari hanno pieno diritto a ricevere la carta annuale del docente: a sostenerlo e anche il tribunale del lavoro di Bologna. A un docente che ha svolto sei supplenze annuali, tra il 2016 e il 2022, il Giudice ha fatto avere in un’unica soluzione i 3 mila euro non attribuiti, dopo avere accertato il pieno diritto del ricorrente «a usufruire del beneficio economico di euro 500 annui tramite la Carta elettronica del docente per l’aggiornamento e la formazione del personale docente». E’ quanto si legge in un comunicato dell’Anief. Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, ritiene che «in attesa delle motivazioni della decisione del Tribunale del Lavoro di Bologna, una cosa e certa: sollecitati di nostri legali, i giudici studiano la Costituzione e la legislazione in materia, il diritto alla formazione degli impiegati, le numerosi sentenze gia emesse, anche dal Consiglio di Stato e quella dominante della Corte di Giustizia Europea. Il risultato e che l’esclusione dei supplenti annuali dalla card del docente per l’aggiornamento e una vera e propria discriminazione. Chi e stato precario – spiega – anche solo per un solo anno, e bene che presenti appello al Giudice del lavoro con Anief: avrà l’opportunità concreta di recuperare i 500 euro annui dell’aggiornamento. Considerando che si parte dal 2016, quando e stata assegnata la carta del docente per la 1ª volta, ogni insegnante arriva a recuperare fino a 3 mila euro netti, come e successo a Bologna».

GN242969

Show More