lunedì, Settembre 16, 2019
Home Tags Massimo Zedda

Tag: Massimo Zedda

Pizzarotti «lascia» i Verdi e si schiera con +Europa: in...

Una mossa a sorpresa. Anche se il cambio di cavallo era nell’aria. Italia in Comune, il partito dei sindaci fondato dal primo cittadino di Parma...

Basilicata, Sardegna e Abruzzo: solo un consigliere su 10 è donna....

Solo 13 donne su un totale di 110 consigleri regionali: poco più di una su 10 (11,8%). Di queste, la maggioranza (5 a testa) è in quota Lega e M5s....

Industria e reddito: perchè la Sardegna ha scaricato il M5S

Il Sulcis delle fabbriche e delle “vertenze sempre aperte” scarica il Movimento Cinque stelle e vota Lega. Ed elegge consigliere regionale un trentasettenne proveniente dalle industrie. Una scelta che sembra quasi seguire il percorso avviato nel 2009 quando, dopo la fermata dell'Eurallumina, i lavoratori delle industrie votarono per il centrodestra

Sardegna, il centrodestra «pesca» da M5S e astenuti. Fi dimezza i...

Il centrodestra passa dal 31,1% delle politiche al 48% delle regionali. E “pesca” voti tra gli astenuti e tra gli elettori M5s della precedente tornata elettorale. Un quarto dei voti del candidato del centrosinistra Massimo Zedda provengono dal bacino M5s. Lo dice lo studio Swg sui flussi tra le politiche 2018 e le regionali sarde di domenica

Da Zedda a Pisapia, tornano alla ribalta gli ex sindaci arancioni

Da Massimo Zedda a Giuliano Pisapia, tornano in auge gli amministratori locali protagonisti della stagione dei sindaci «arancioni» e sostenitori di un ampio campo progressista e riformista

Sardegna, spoglio a rilento. Dopo le prime sezioni in vantaggio il...

Iniziano, lentamente, ad arrivare i primi dati sullo spoglio delle schede: secondo quanto fa sapere la Regione, dopo pochissime sezioni scrutinate si confermerebbe la tendenza indicata dagli exit poll: in vantaggio nel Sulcis e nell'Oristanese, il candidato del centrodestra Christian Solinas, davanti a quello del centrosinistra Massimo Zedda. Più indietro Francesco Desogus (M5S)

M5S, Sardegna peggio dell’Abruzzo: cronaca di un tracollo annunciato

Quello M5S in Sardegna è un tracollo annunciato ma ugualmente bruciante. Perché conferma quel rovesciamento dei rapporti di forza nell'Esecutivo già evidente da tempo nei sondaggi e perché non depone affatto bene in vista di quello che è considerato il vero test nazionale: le elezioni europee del 26 maggio. Quando i leghisti contano di fare il pieno di consensi, e poi farli valere all'interno

Governo al test del voto in Sardegna: il ...

Il test in Sardegna vale doppio per Matteo Salvini. Se il candidato del centrodestra Christian Solinas si affermasse grazie al traino del Carroccio, l’Isola sarebbe la prima regione del Sud realmente conquistata dai leghisti. Se poi vincesse con un margine ampio sul candidato M5S Francesco Desogus sarebbe un segnale dell’avanzata del Carroccio nel Mezzogiorno

Elezioni in Sardegna: una poltrona per sette. Un voto che può...

Seggi aperti dalle 6:30 in Sardegna per le elezioni regionali. Si vota solo domenica 24 febbraio sino alle 22, mentre lo scrutinio delle schede inizierà lunedì 25 alle 7. Il significato del voto in Sardegna va oltre l’aspetto amministrativo. Il risultato, infatti, potrebbe avere ripercussioni in chiave nazionale. Non tanto sulla tenuta dell’alleanza M5S-Lega, quanto piuttosto sui rapporti di forza all’interno della stessa

Sardegna domenica al voto tra vertenze e seggi super protetti

Tra le novità delle elezioni la doppia preferenza di genere: due voti, uno a un candidato e uno a una candidata ma della stessa lista. Sulla sfida di domenica peserà poi anche la questione del voto disgiunto