Tav, settimana decisiva. In arrivo gli emendamenti al Senato al decretone

MILANO – Tav e “decretone” occupano la scena economica della prossima settimana. Sul primo fronte il governo renderà finalmente pubblica l’attesa analisi costi benefici sulla base della quale il governo dovrà decidere se proseguire con la costruzione dell’opera. Appuntamento chiave mercoledì anche l’audizione del professor Marco Ponti alla Camera, l’esperto a cui il ministro Danilo Toninelli ha affidato la stesura del rapporto. L’Italia, hanno fatto sapere intanto fonti Ue, deve fare chiarezza sull’opera entro poche settimane, altrimenti l’accordo di finanziamento (‘grant agreement’) rischia di saltare. Se accadesse, l’Italia perderebbe gli 813,6 milioni previsti nel periodo di bilancio 2014-2020, di cui circa 120 milioni da restituire perchè già versati. A questi si aggiungono 380 milioni stanziati tra 2007 e 2013 che l’Italia dovrebbe rendere.

Sempre sul fronte parlamentare continua il lavoro al Senato sul cosiddetto…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer