Tim: rete unica sotto controllo operatore verticale


Grafico Azioni Telecom Italia (BIT:TIT)
Intraday

Martedì 21 Aprile 2020

Clicca qui per i Grafici di Telecom Italia

“Pensiamo che sia importante facilitare la transizione verso la rete unica per fornire connettività a tutti. Dal punto di vista del Paese, una duplicazione della rete di telecomunicazioni non riteniamo abbia molto senso, tuttavia non vogliamo indicare come si dovrebbe comportare un regolatore, tantomeno il Governo”.

Così ha risposto Tim alle domande dei piccoli azionisti di Asati, in vista dell’assemblea di giovedì prossimo. “Rileviamo come il progetto finalizzato a valutare possibili forme di integrazione

delle reti in fibra ottica di Tim e Open Fiber sia apprezzato e sostenuto dalle istituzioni nazionali, dal momento che consentirebbe di accelerare lo sviluppo della rete in fibra e chiudere di conseguenza il digital divide che ancora si registra in numerose aree del Paese, evitando duplicazioni di investimenti già di per sé molto onerosi”.

Per quanto riguarda la struttura della “rete unica”, a nostro parere – continua Tim – il modello da adottare è una rete sotto il controllo di un operatore verticalmente integrato quale Tim, piuttosto che un modello “wholesale only” che si è rivelato fallimentare ovunque sia stato applicato. Siamo disponibili a parlare con governo e Agcom su modelli di remunerazione come il Rab citato, purché sia tutelato il valore per gli azionisti”.

pev

Lascia un commento