Economia

Trump non risponde a domande procuratore generale New York

This content has been archived. It may no longer be relevant

NEW YORK (Reuters) – La precedente presidente degli Stati Uniti Donald Trump non ha risposto alle domande del procuratore generale dello Stato di New York nel merito di un’inchiesta civile sulle pratiche commerciali della sua famiglia.

“Ho rifiutato di rispondere alle domande in base ai diritti e ai privilegi concessi a ogni cittadino dalla Costituzione degli Stati Uniti”, afferma Trump in una nota.

Il procuratore generale dello Stato di New York Letitia James sta indagando se la Trump Organization abbia gonfiato i valori immobiliari. Trump e 2 dei suoi figli, Donald Trump Jr. e Ivanka Trump, si sono battuti per prevenire di testimoniare, ma invano.

I figli di Trump sono gia stati interrogati, come riportato da una fonte.

La deposizione non sarà pubblica.

James afferma che le sue inchieste hanno portato alla luce prove significative del fatto che la Trump Organization, che gestisce alberghi, campi da golf e altre proprietà immobiliari, ha sovrastimato i valori degli asset per ottenere prestiti favorevoli e li ha sottovalutati per ottenere sgravi fiscali.

Trump ha negato di aver commesso illeciti e afferma che l’inchiesta di New York ha motivi politici. James e una democratica.

Nello stesso tempo, lunedì l’Fbi ha perquisito la proprietà di Trump in Florida, escalation dell’inchiesta federale atta a verificare se abbia illegalmente rimosso dei documenti dalla Casa Bianca quando ha lasciato l’incarico nel gennaio 2021.

Trump ha pubblicamente fatto allusioni alla possibilità di ricandidarsi alla presidenza nel 2024, ma non ha comunicato chiaramente la sua prossima candidatura.

(Tradotto da Chiara Scarciglia, editing Claudia Cristoferi)

Trump non risponde a domande procuratore generale New York

Trump risponde domande


FIMA2681#

Show More