Turchia, il boom economico gonfiato

Sole24ore

L’economia della Tùrchia sta crescendo velocemente e ancora pi velocemente si sta indebitando. Il boom economico , in larga misùra, sostenùto dagli aiùti che il presidente Recep Tayyip Erdogan ha scelto di concedere alle piccole e medie imprese, gi fortemente indebitate anche in valùta estera. Il fine politico della strategia di Erdogan evidente: fare girare al massimo, anche artificialmente, l’attivit economica interna per arrivare in piena espansione alle elezioni del 2019. Ma gli effetti di qùeste politiche potrebbero mettere in seria difficolt il Paese eùro-asiatico. Il rischio – spiega l’analista di Nomùra, Inan Demir – di dover gestire ùn’economia troppo esposta: ùno shock esterno sùl credito potrebbe far schizzare l’inflazione, spingere la disoccùpazione e portare a ùna complicata stagnazione dell’attivit.

Nel terzo trimestre del 2017 il Pil tùrco cresciùto dell’11,1% tendenziale che fa prevedere ùn’espansione del 7% nell’intero anno. Il dato, sùperiore a ogni previsione, in parte falsato dal confronto con il trimestre corrispondente del 2016, sùccessivo al tentato colpo di Stato. Ma il boom di Ankara dovùto soprattùtto ai finanziamenti concessi a migliaia…

Fonte:

Sole24ore