Usa: sondaggio Wsj/Nbc, Biden in vantaggio di 11 punti su Trump


Il vantaggio dell’ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, sul presidente Usa, Donald Trump, è salito a 11 punti percentuali, mentre l’indice di gradimento dell’inquilino della Casa Bianca è sceso a causa della sua gestione della pandemia di coronavirus, secondo un nuovo sondaggio realizzato dal Wall Street Journal e Nbc News.

A quattro mesi dalle elezioni di novembre, il 51% degli elettori ha dichiarato che avrebbe votato per Biden se le elezioni si fossero svolte oggi, mentre il 40% si è schierato a sostegno di Trump. Il vantaggio di Biden sul presidente è salito a 11 punti percentuali, rispetto ai 7 punti de,l mese scorso, mentre è cresciuta per entrambi i candidati la percentuale di elettori che li valutano in modo molto negativo.

Trump ha mantenuto il sostegno della maggioranza degli elettori per quel che riguarda l’economia, con il 54% che approva la sua gestione. L’economia degli Stati Uniti è entrata ufficialmente in recessione a febbraio, dopo che la pandemia ha costretto alla chiusura, generando la perdita di milioni di posti di lavoro. Nonostante l’attività economica abbia mostrato segni di rimbalzo a maggio, gli economisti prevedono che possa tornare a peggiorare dato che un’ondata di nuovi casi sta costringendo gli Stati a mettere in pausa o a invertire i piani di riapertura.

La valutazione complessiva del gradimento del lavoro del presidente è scesa di 3 punti percentuali nell’ultimo mese. Il 42% percento degli elettori approva la performance di Trump, mentre il 56% no. E’ il livello più basso da aprile 2018.

La crisi del coronavirus ha continuato a ridurre le possibilità che Trump venga rieletto, con il 37% degli elettori che approva la sua gestione della pandemia e il 59% che è contrario. Il numero di elettori favorevoli alla risposta del presidente è costantemente diminuito, scendendo di 6 punti percentuali dallo mese scorso e di 8 punti percentuali da marzo.

Oltre 136.000 persone negli Stati Uniti sono morte a causa del coronavirus e oltre 3,4 milioni sono state infettate, secondo i dati della Johns Hopkins University. Man mano che gli Stati hanno iniziato a riaprire i casi di Covid-19 sono aumentati in tutto il Paese, con gli esperti che lanciano allarmi sulla ripresa della malattia.

Trump e i suoi consiglieri hanno spesso minimizzato la minaccia, affermando che il Paese si sta riprendendo dalla pandemia e hanno anche sottolineato l’importanza di riaprire l’economia.

Con un margine di 2 a 1, gli elettori hanno affermato di avere maggiori probabilità di votare per un candidato che è più concentrato sull’interruzione della diffusione del virus piuttosto che sulla riapertura delle imprese. Quasi tre quarti degli elettori hanno dichiarato di indossare sempre una mascherina durante lo shopping, a lavoro o quando si trovano vicino a persone fuori casa, con un aumento di 11 punti percentuali rispetto al mese scorso. La percentuale di sostenitori di Trump che afferma di indossare sempre mascherine è salita di 15 punti da giugno, dal 39% al 54%. Complessivamente, quasi i tre quarti degli elettori, il 72%, ha dichiarato di ritenere che il Paese sia sulla buona strada.

Gli elettori stanno prestando molta attenzione alla politica, con il 77% che afferma di essere molto interessato alle elezioni e l’interesse non è mai stato così alto.

Trump e Biden suscitano entrambi poco entusiasmo tra gli elettori, molti dei quali li vedono negativamente e hanno espresso scontento per le loro candidature. Il 48% degli elettori considera Trump molto negativamente, mentre un altro 6% lo vede in modo abbastanza negativo. Poco più della metà degli elettori, il 52%, ha dichiarato di essere molto a disagio nei confronti di Trump. È il dato più negativo da gennaio 2018, quando il Governo è entrato in shutdown a causa di una disputa tra Trump e il Congresso sull’immigrazione e il muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Un terzo degli elettori ha una visione molto negativa anche di Biden, mentre il 13% ha una visione abbastanza negativa e il 38% ha dichiarato di essere molto a disagio con la sua candidatura.

Biden sta ottenendo il sostegno di più membri del suo partito rispetto a Trump. Il 95% dei democratici sostiene l’ex vicepresidente Usa, mentre l’84% dei repubblicani afferma che voterà per il presidente. Gli indipendenti si schierano con Biden.

Il sondaggio ha preso in considerazione 900 elettori, dal 9 luglio al 12 luglio. Il margine di errore è più o meno di 3,27 punti percentuali.

cos

Usa: sondaggio Wsj/Nbc, Biden in vantaggio di 11 punti su Trump 

Il vantaggio dell’ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, sul presidente Usa, Donald Trump, è salito a 11 punti percentuali, mentre l’indice di gradimento dell’inquilino della Casa Bianca è sceso a causa della sua gestione della pandemia di coronavirus, secondo un nuovo sondaggio realizzato dal Wall Street Journal e Nbc News.

A quattro mesi dalle elezioni di novembre, il 51% degli elettori ha dichiarato che avrebbe votato per Biden se le elezioni si fossero svolte oggi, mentre il 40% si è schierato a sostegno di Trump. Il vantaggio di Biden sul presidente è salito a 11 punti percentuali, rispetto ai 7 punti de,l mese scorso, mentre è cresciuta per entrambi i candidati la percentuale di elettori che li valutano in modo molto negativo.

Trump ha mantenuto il sostegno della maggioranza degli elettori per quel che riguarda l’economia, con il 54% che approva la sua gestione. L’economia degli Stati Uniti è entrata ufficialmente in recessione a febbraio, dopo che la pandemia ha costretto alla chiusura, generando la perdita di milioni di posti di lavoro. Nonostante l’attività economica abbia mostrato segni di rimbalzo a maggio, gli economisti prevedono che possa tornare a peggiorare dato che un’ondata di nuovi casi sta costringendo gli Stati a mettere in pausa o a invertire i piani di riapertura.

La valutazione complessiva del gradimento del lavoro del presidente è scesa di 3 punti percentuali nell’ultimo mese. Il 42% percento degli elettori approva la performance di Trump, mentre il 56% no. E’ il livello più basso da aprile 2018.

La crisi del coronavirus ha continuato a ridurre le possibilità che Trump venga rieletto, con il 37% degli elettori che approva la sua gestione della pandemia e il 59% che è contrario. Il numero di elettori favorevoli alla risposta del presidente è costantemente diminuito, scendendo di 6 punti percentuali dallo mese scorso e di 8 punti percentuali da marzo.

Oltre 136.000 persone negli Stati Uniti sono morte a causa del coronavirus e oltre 3,4 milioni sono state infettate, secondo i dati della Johns Hopkins University. Man mano che gli Stati hanno iniziato a riaprire i casi di Covid-19 sono aumentati in tutto il Paese, con gli esperti che lanciano allarmi sulla ripresa della malattia.

Trump e i suoi consiglieri hanno spesso minimizzato la minaccia, affermando che il Paese si sta riprendendo dalla pandemia e hanno anche sottolineato l’importanza di riaprire l’economia.

Con un margine di 2 a 1, gli elettori hanno affermato di avere maggiori probabilità di votare per un candidato che è più concentrato sull’interruzione della diffusione del virus piuttosto che sulla riapertura delle imprese. Quasi tre quarti degli elettori hanno dichiarato di indossare sempre una mascherina durante lo shopping, a lavoro o quando si trovano vicino a persone fuori casa, con un aumento di 11 punti percentuali rispetto al mese scorso. La percentuale di sostenitori di Trump che afferma di indossare sempre mascherine è salita di 15 punti da giugno, dal 39% al 54%. Complessivamente, quasi i tre quarti degli elettori, il 72%, ha dichiarato di ritenere che il Paese sia sulla buona strada.

Gli elettori stanno prestando molta attenzione alla politica, con il 77% che afferma di essere molto interessato alle elezioni e l’interesse non è mai stato così alto.

Trump e Biden suscitano entrambi poco entusiasmo tra gli elettori, molti dei quali li vedono negativamente e hanno espresso scontento per le loro candidature. Il 48% degli elettori considera Trump molto negativamente, mentre un altro 6% lo vede in modo abbastanza negativo. Poco più della metà degli elettori, il 52%, ha dichiarato di essere molto a disagio nei confronti di Trump. È il dato più negativo da gennaio 2018, quando il Governo è entrato in shutdown a causa di una disputa tra Trump e il Congresso sull’immigrazione e il muro lungo il confine tra Stati Uniti e Messico.

Un terzo degli elettori ha una visione molto negativa anche di Biden, mentre il 13% ha una visione abbastanza negativa e il 38% ha dichiarato di essere molto a disagio con la sua candidatura.

Biden sta ottenendo il sostegno di più membri del suo partito rispetto a Trump. Il 95% dei democratici sostiene l’ex vicepresidente Usa, mentre l’84% dei repubblicani afferma che voterà per il presidente. Gli indipendenti si schierano con Biden.

Il sondaggio ha preso in considerazione 900 elettori, dal 9 luglio al 12 luglio. Il margine di errore è più o meno di 3,27 punti percentuali.

cos